Il Consiglio dei Ministri ha approvato negli scorsi giorni il decreto legislativo con cui la tutela del diritto d’autore di produttori di fonogrammi, artisti, esecutori, interpreti musicali e società di gestione collettive che li rappresentano viene estesa da 50 a 70 anni.

L’obiettivo della norma – che recepisce quanto stabilito a livello comunitario dalla Direttiva 77/2011 – è quello di tutelare gli autori proprio in un periodo della vita in cui il loro reddito potrebbe subire un calo.

Con lo stesso decreto viene poi concessa ad artisti, esecutori e interpreti la facoltà di riappropriarsi dei diritti sull’opera qualora, trascorsi 50 anni dalla prima pubblicazione, il soggetto che li ha acquistati non metta in vendita un numero di copie definito “sufficiente”.

 

Fonte: Puntinformatico.it

Articoli recenti

“Security-Enabled Transformation: la resa dei conti”: di cosa si è discusso del Politecnico di Milano presso l’Aula Magna Carassa e Dadda, campus Bovisa del Politecnico di Milano il 5 febbraio 2020

Articolo di OWL Italia Lo scorso 5 febbraio 2020, presso l’Aula Magna Carassa e Dadda, campus Bovisa, si è tenuto il Convegno “Security-enabled transformation: la resa dei conti” in cui sono stati presentati i risultati della Ricerca dell’Osservatorio Security & Privacy della School of Management del Politecnico di Milano (in...
Categorie Privacy, Approfondimenti, Homepage Continua a leggere