Il Tribunale delle Imprese di Roma, con sentenza n. 9026/16 del 5 maggio 2016, ha condannato il gestore della piattaforma digitale francese “Kewego” a risarcire un noto broadcaster italiano a titolo di “concorso nella violazione dei diritti di sfruttamento economico” dell’operatore televisivo.

I giudici romani hanno riconosciuto che il provider, sia esso qualificabile come hosting passivo o come hosting attivo, dovrà rispondere dell’attività illecita posta in essere dall’utente tutte le volte in cui, opportunamente informato dal titolare dei diritti, in violazione di quanto stabilito dall’articolo 14 della Direttiva 2000/31/CE, ometta di attivarsi immediatamente per impedire il protrarsi dell’attività illecita.

Onere di attivazione che si pone in piena sintonia con i principi di diligenza e ragionevolezza che è giusto attendersi da tali operatori (di video-sharing): nel caso in questione la responsabilità del provider è dipesa dal fatto che esso fosse “a conoscenza o poteva essere a conoscenza dell’illiceità commessa dall’utente” e, ciò nonostante, i contenuti contestati siano rimasti accessibili agli utenti per “alcuni mesi”.

Un ritardo, questo, secondo i giudici, “non giustificabile” considerato che l’attività richiesta ai provider in tali circostanze necessita di “un breve lasso temporale” incompatibile con il protrarsi dell’inerzia riscontrata nel caso di specie.

Quanto deciso con la sentenza in commento trova piena corrispondenza in due recenti decisioni: in un caso, la Cour d’appel de Paris ha condannato i gestori del portale “Dailymotion” per l’omessa rimozione di video estratti da emissioni televisive dell’operatore “TF1” per circa 13 giorni dalla acquisita conoscenza dell’illecito; in un altro caso, la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo –giudicando su fattispecie avente ad oggetto la violazione di diritti della personalità- ha ritenuto non giustificabile, e quindi fonte di responsabilità per il gestore di un quotidiano on line, la rimozione dei contenuti contestati dopo circa 5 settimane dalla conoscenza dell’illecito.

Avv. Alessandro La Rosa

© Riproduzione riservata

Articoli recenti

Il Tribunale di Roma si pronuncia sulla responsabilità derivante dall’utilizzo di software in assenza di legittima licenza

Articolo di Silvia Perra Con pronuncia resa in data 8 gennaio 2020 dalla Sezione Specializzata in materia d’Impresa del Tribunale di Roma, i giudici sono tornati sull’annosa questione dell’utilizzo senza licenza di software d’altrui proprietà. La vicenda trae origine dal ricorso d’urgenza, depositato...
Categorie Proprietà intellettuale, Approfondimenti, Homepage Continua a leggere

Il Tribunale di Milano impone, in via cautelare, obblighi di “stay down” agli Hosting Provider in casi di pirateria online

Articolo di Riccardo Traina Chiarini La Sezione Specializzata del Tribunale di Milano è tornata a pronunciarsi, in via d’urgenza, sui servizi “IPTV” (Internet Protocol Television) illegali, con due ordinanze (di conferma dei rispettivi decreti già emessi inaudita altera parte, e che non sono state...
Categorie Proprietà intellettuale, Approfondimenti, Homepage Continua a leggere

Dopo il parere dell’Avvocato Generale, la decisione della Corte di Giustizia. La vendita di libri elettronici di seconda mano tramite un sito Internet costituisce comunicazione al pubblico soggetta all’autorizzazione dell’autore

Articolo di Silvia Perra Con la sentenza emessa in data 19 dicembre 2019 (C-263/18, raggiungibile a questo link), la Corte di Giustizia ha dichiarato che la fornitura al pubblico effettuata per il tramite di download di un libro elettronico per un uso permanente...
Categorie Proprietà intellettuale, Approfondimenti Continua a leggere