Il Tribunale delle Imprese di Roma, con sentenza n. 9026/16 del 5 maggio 2016, ha condannato il gestore della piattaforma digitale francese “Kewego” a risarcire un noto broadcaster italiano a titolo di “concorso nella violazione dei diritti di sfruttamento economico” dell’operatore televisivo.

I giudici romani hanno riconosciuto che il provider, sia esso qualificabile come hosting passivo o come hosting attivo, dovrà rispondere dell’attività illecita posta in essere dall’utente tutte le volte in cui, opportunamente informato dal titolare dei diritti, in violazione di quanto stabilito dall’articolo 14 della Direttiva 2000/31/CE, ometta di attivarsi immediatamente per impedire il protrarsi dell’attività illecita.

Onere di attivazione che si pone in piena sintonia con i principi di diligenza e ragionevolezza che è giusto attendersi da tali operatori (di video-sharing): nel caso in questione la responsabilità del provider è dipesa dal fatto che esso fosse “a conoscenza o poteva essere a conoscenza dell’illiceità commessa dall’utente” e, ciò nonostante, i contenuti contestati siano rimasti accessibili agli utenti per “alcuni mesi”.

Un ritardo, questo, secondo i giudici, “non giustificabile” considerato che l’attività richiesta ai provider in tali circostanze necessita di “un breve lasso temporale” incompatibile con il protrarsi dell’inerzia riscontrata nel caso di specie.

Quanto deciso con la sentenza in commento trova piena corrispondenza in due recenti decisioni: in un caso, la Cour d’appel de Paris ha condannato i gestori del portale “Dailymotion” per l’omessa rimozione di video estratti da emissioni televisive dell’operatore “TF1” per circa 13 giorni dalla acquisita conoscenza dell’illecito; in un altro caso, la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo –giudicando su fattispecie avente ad oggetto la violazione di diritti della personalità- ha ritenuto non giustificabile, e quindi fonte di responsabilità per il gestore di un quotidiano on line, la rimozione dei contenuti contestati dopo circa 5 settimane dalla conoscenza dell’illecito.

Avv. Alessandro La Rosa

© Riproduzione riservata

Articoli recenti

Giudizio di confondibilità tra marchi simili: principio di effettività nell’utilizzo del marchio e rilevanza del livello di attenzione meno elevato tra il pubblico di riferimento

Articolo di Silvia Perra   Con decisione resa in data 19 settembre 2019 nel procedimento T-359/18 il Tribunale dell’Unione Europea è stato investito di una controversia avente ad oggetto il giudizio di confondibilità tra due marchi: , marchio registrato in Italia nella classe...
Categorie Proprietà intellettuale Continua a leggere

Le linee guida della Commissione Europea per l’implementazione dell’art. 17, paragrafo 4, della nuova Direttiva europea sul Copyright nel DSM (Direttiva 790/2019)

Articolo di Alessandro La Rosa Come noto, l’art. 17 della nuova direttiva sul copyright nel mercato unico digitale ha espressamente previsto che la Commissione europea, in cooperazione con gli Stati membri, organizzi dialoghi tra le parti interessate per discutere le migliori prassi per la...
Categorie Proprietà intellettuale Continua a leggere