Non è possibile invocare il diritto all’oblio per vicende giudiziarie di particolare gravità e il cui iter processuale si è concluso da poco tempo, in quanto prevale l’interesse pubblico a conoscere la notizia. Lo ha sancito il Garante privacy con un recente provvedimento, dichiarando infondata la richiesta di deindicizzazione di alcuni articoli presentata da un ex consigliere comunale coinvolto in un’indagine per corruzione e truffa.

In particolare, la vicenda giudiziaria in oggetto si è conclusa nel 2012 con sentenza di patteggiamento e pena interamente coperta da indulto. Di fronte al rifiuto di Google di accogliere le richieste di deindicizzazione di alcuni URL – che risultavano digitando il nome e cognome dell’ex consigliere nel motore di ricerca e che facevano riaffiorare l’indagine in cui era rimasto coinvolto – quest’ultimo aveva presentato ricorso al Garante. A suo dire, non ricoprendo più incarichi pubblici e operando in un settore privato, la permanenza in rete di notizie risalenti a circa dieci anni prima (il procedimento giudiziario era stato avviato, infatti, nel 2006) e ormai prive di interesse, gli avrebbe arrecato un danno reputazionale, in grado di riflettersi sulla propria vita privata e sull’attuale attività lavorativa.

Nel rigettare la richiesta, l’Autorità ha invece rilevato che il trascorrere del tempo va valutato alla luce delle informazioni di cui si chiede la deindicizzazione; quando si tratta di reati gravi e che hanno destato un forte allarme sociale, in particolare, il diritto all’oblio deve essere bilanciato con altri interessi.

Nella fattispecie, nonostante fosse trascorso un certo lasso di tempo dai fatti riportati negli articoli, secondo il Garante merita considerazione il fatto che la vicenda giudiziaria si fosse definita solo pochi anni prima, nonché la circostanza che alcuni dei medesimi articoli, pubblicati fino al 2015, richiamavano la notizia riferendo di una maxi inchiesta sulla corruzione, di fatto rendendola di nuovo attuale e dimostrando l’interesse ancora vivo dell’opinione pubblica sulla vicenda.

Avv. Flaviano Sanzari

© Riproduzione riservata

Articoli recenti

Il Tribunale di Roma si pronuncia sulla responsabilità derivante dall’utilizzo di software in assenza di legittima licenza

Articolo di Silvia Perra Con pronuncia resa in data 8 gennaio 2020 dalla Sezione Specializzata in materia d’Impresa del Tribunale di Roma, i giudici sono tornati sull’annosa questione dell’utilizzo senza licenza di software d’altrui proprietà. La vicenda trae origine dal ricorso d’urgenza, depositato...
Categorie Proprietà intellettuale, Approfondimenti, Homepage Continua a leggere

Il Tribunale di Milano impone, in via cautelare, obblighi di “stay down” agli Hosting Provider in casi di pirateria online

Articolo di Riccardo Traina Chiarini La Sezione Specializzata del Tribunale di Milano è tornata a pronunciarsi, in via d’urgenza, sui servizi “IPTV” (Internet Protocol Television) illegali, con due ordinanze (di conferma dei rispettivi decreti già emessi inaudita altera parte, e che non sono state...
Categorie Proprietà intellettuale, Approfondimenti, Homepage Continua a leggere

Dopo il parere dell’Avvocato Generale, la decisione della Corte di Giustizia. La vendita di libri elettronici di seconda mano tramite un sito Internet costituisce comunicazione al pubblico soggetta all’autorizzazione dell’autore

Articolo di Silvia Perra Con la sentenza emessa in data 19 dicembre 2019 (C-263/18, raggiungibile a questo link), la Corte di Giustizia ha dichiarato che la fornitura al pubblico effettuata per il tramite di download di un libro elettronico per un uso permanente...
Categorie Proprietà intellettuale, Approfondimenti Continua a leggere