Il Tribunale di Roma con sentenza del 27 aprile 2016 ha condannato la piattaforma digitale statunitense Break.com per uso illecito dei programmi televisivi Mediaset.

Oltre a un risarcimento stabilito in 115.000 euro (pari a circa 1.300 euro per ogni minuto illecitamente pubblicato), la Nona Sezione del Tribunale Civile ha addebitato a Break.com le spese processuali e fissato una penale di 1.000 euro per ogni eventuale futura violazione.

La nuova sentenza rappresenta un ulteriore passo avanti nella giurisprudenza relativa alla tutela del diritto d’autore degli editori italiani in ambito digitale. Il Tribunale, accogliendo i più recenti precedenti comunitari, ha stabilito la responsabilità civile di chi pubblica contenuti caricati dagli utenti. Rilevante il nuovo ruolo attribuito agli aggregatori: non più intermediari tecnici e passivi ma “impresa globale” che utilizza i contenuti messi a disposizione del pubblico per alimentare il proprio business pubblicitario.

“L’intervento diretto nei contenuti”, continuano i giudici di Roma, è dimostrato anche attraverso i “video correlati” e la presenza di un “editorial team”, elementi che dimostrano la posizione del provider come “hosting attivo”.
In altre parole vi è “conoscenza effettiva” degli illeciti. E il titolare dei diritti non ha nessun obbligo preventivo di fornire agli aggregatori gli specifici URL “vietati”, in quanto si tratterebbe di un onere irragionevolmente gravoso e privo di qualsiasi fondamento normativo.

La nuova sentenza aggiunge un importante contributo alla cultura giuridica dei “principi fondamentali” a tutela di chi investe realmente nella produzione di contenuti italiani originali.

 

Articoli recenti

La messa in rete di una fotografia precedentemente pubblicata, senza restrizioni, necessita sempre dell’autorizzazione del titolare del diritto d’autore

Articolo di Alessandro La Rosa Con sentenza del 7 agosto 2018 (C-161/17 – Land Nordrhein-Westfalen contro Dirk Renckhoff) la Corte di Giustizia dell’Unione Europea si è pronunciata, positivamente, sulla questione “se la messa in rete su un sito Internet di una fotografia precedentemente pubblicata,...
Categorie Giurisprudenza, Proprietà intellettuale Continua a leggere

Tribunale delle Imprese di Roma: la pubblicazione delle opere di Mediaset attraverso Dailymotion deve essere autorizzata

Articolo di Alessandro La Rosa Già lo scorso 22 febbraio, con provvedimento emesso inaudita altera parte, il Tribunale delle Imprese di Roma aveva ordinato a Dailymotion, video sharing platform francese controllata al 100% dal Gruppo Vivendi, di rimuovere immediatamente tutti i video estratti dal...
Categorie Giurisprudenza, Normativa, Proprietà intellettuale, Diritto europeo Continua a leggere