I procuratori generali di New York e del Connecticut starebbero indagando sul mercato della musica in streaming. In particolare, l’attenzione sarebbe concentrata su eventuali comportamenti anti-concorrenziali in danno di servizi che offrono streaming in modalità gratuita basati su pubblicità, come quelli di Spotify e YouTube.

La notizia proviene da una lettera inviata dai legali della Universal Music Groupcon la quale l’azienda ha inteso specificare di non avere posto in essere alcun accordo con le altre major Sony Music Entertainment e Warner Music Group per ridurre la competizione nei servizi di streaming musicale.

Tutto ciò avviene in concomitanza con il lancio –  il prossimo 30 giugno – di Apple Music, il nuovo servizio del colosso di Cupertino attraverso cui ascoltare musica in streaming on-demand a pagamento.

 

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Cloud computing e copia privata: la sentenza della Corte di Giustizia UE. Illecita la riproduzione dell’operatore “attivo”

Articolo di Alessandro La Rosa Con l’attesissima sentenza pubblicata lo scorso 29 novembre, avente ad oggetto la causa promossa da VCAST Limited (Vcast) contro Reti Televisive Italiane s.p.a. (“RTI” – società del Gruppo Mediaset), la Corte di Giustizia UE (Causa C-265/16), ha chiarito che...
Categorie Commenti, Proprietà intellettuale, Homepage, Articoli Continua a leggere