È di questo lunedì la pronuncia con cui una Corte d’appello di Washington ha accolto il ricorso di Verizon contro le c.d. Open Internet Order, cioè le regole della Federal Communications Commission secondo cui gli Internet Service Providers non possono ‘pacchettizzare’ le offerte di connettività dovendo invece fornire a tutti gli abbonati un accesso completo alla rete.

Viene in questo modo meno il principio della neutralità della rete, sulla base del quale, fino ad oggi, ogni utente aveva il diritto di vedersi riconosciute prestazioni uguali a quelle di chiunque altro in termini di velocità nel caricamento dei dati.

Chi sostiene la neutralità della rete teme che in futuro i colossi del web possano ottenere vantaggi sui concorrenti pagando i providers per fornire un trattamento preferenziale ai dati della propria azienda.

Fonte: LaStampa.it

Articoli recenti

Giudizio di confondibilità tra marchi simili: principio di effettività nell’utilizzo del marchio e rilevanza del livello di attenzione meno elevato tra il pubblico di riferimento

Articolo di Silvia Perra   Con decisione resa in data 19 settembre 2019 nel procedimento T-359/18 il Tribunale dell’Unione Europea è stato investito di una controversia avente ad oggetto il giudizio di confondibilità tra due marchi: , marchio registrato in Italia nella classe...
Categorie Proprietà intellettuale Continua a leggere

Le linee guida della Commissione Europea per l’implementazione dell’art. 17, paragrafo 4, della nuova Direttiva europea sul Copyright nel DSM (Direttiva 790/2019)

Articolo di Alessandro La Rosa Come noto, l’art. 17 della nuova direttiva sul copyright nel mercato unico digitale ha espressamente previsto che la Commissione europea, in cooperazione con gli Stati membri, organizzi dialoghi tra le parti interessate per discutere le migliori prassi per la...
Categorie Proprietà intellettuale Continua a leggere