È di questo lunedì la pronuncia con cui una Corte d’appello di Washington ha accolto il ricorso di Verizon contro le c.d. Open Internet Order, cioè le regole della Federal Communications Commission secondo cui gli Internet Service Providers non possono ‘pacchettizzare’ le offerte di connettività dovendo invece fornire a tutti gli abbonati un accesso completo alla rete.

Viene in questo modo meno il principio della neutralità della rete, sulla base del quale, fino ad oggi, ogni utente aveva il diritto di vedersi riconosciute prestazioni uguali a quelle di chiunque altro in termini di velocità nel caricamento dei dati.

Chi sostiene la neutralità della rete teme che in futuro i colossi del web possano ottenere vantaggi sui concorrenti pagando i providers per fornire un trattamento preferenziale ai dati della propria azienda.

Fonte: LaStampa.it

Articoli recenti

Corte di Giustizia UE (causa C-469/17): la libertà d’informazione e di stampa non possono giustificare una deroga ai diritti d’autore al di fuori delle eccezioni e delle limitazioni previste dalla direttiva 2001/29/CE

Articolo di Priscilla Casoni Con sentenza del 29 luglio 2019, la Corte di Giustizia UE è tornata sul tema delle eccezioni e limitazioni al diritto d’autore e sull’interpretazione dell’articolo 5, comma 5, della Direttiva 2001/29/CE (sull’armonizzazione di taluni aspetti del diritto d’autore e...
Categorie Giurisprudenza, Proprietà intellettuale, Approfondimenti Continua a leggere

Responsabilità delle video sharing platform: il Tribunale delle Imprese di Roma decide dopo la sentenza della Corte di Cassazione sul caso Mediaset c. Yahoo!

Articolo di Alessandro La Rosa I Fatti I video di RTI oggetto di causa sono stati caricati sulla piattaforma francese da utenti privati a partire dal 2006 e in alcuni casi sono rimasti online fino al 2013. Una volta verificata la presenza di video non autorizzati,...
Categorie Giurisprudenza, Normativa, Proprietà intellettuale Continua a leggere