I tassisti milanesi dopo mesi di polemiche, proteste e scioperi contro l’app statunitense sono dovuti ricorrere al Tribunale civile di Milano che ha disposto il blocco dell’app Uberpop.

Tra le motivazioni, la “concorrenza sleale” e la “violazione della disciplina amministrativa che regola il settore taxi”.

Il Giudice Claudio Marangoni mediante un provvedimento cautelare ha disposto il blocco dell’app e ha cosi’ motivando la sua decisione: “l’effettivo vantaggio concorrenziale deriverebbe dalla possibilità degli autisti di Uberpop di applicare tariffe sensibilmente minori rispetto a quelle del servizio pubblico, con sviamento indebito della clientela”.

La societa’, mediante il suo legale Zac De Kievit ha annuciato che fara’appello per evitare che centinaia di migliaia di cittadini italiani siano privati di questo servizio.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Linking: l’autorizzazione iniziale alla pubblicazione dell’opera ritenuta necessaria dalla giurisprudenza europea

Articolo di Alessandro La Rosa Negli ultimi anni, in tema di diritto d’autore sono sorte interessanti problematiche anche con riferimento all’attività di “linking” tra diversi siti. Tralasciando la definizione tecnica, il link costituisce probabilmente l’elemento centrale della comunicazione online attraverso cui è possibile navigare...
Categorie Proprietà intellettuale, Approfondimenti, Homepage Continua a leggere