Per la seconda volta, dopo aver reso noto nel maggio 2014 che i propri database erano stati violati, Uber, la società californiana di trasporto privato, viene coinvolta in un caso di furto di dati personali. In questo caso, due venditori presenti su AlphaBay Market, un sito accessibile solo attraverso il software Tor (The Onion Router), il cd. dark web, ovvero quello dove la navigazione resta anonima, dichiraano di aver ricevuto offerte aventi ad oggetto migliaia di credenziali di Uber quali il nome degli utenti, le password e le date di scadenza delle carte di credito.

Per il momento, Uber ha negato di essere stata vittima di hackeraggio e si è limitata a suggerire ai propri clienti, per ragioni di sicurezza, di non utilizzare nome utente e password uguali per più siti.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Cloud computing e copia privata: la sentenza della Corte di Giustizia UE. Illecita la riproduzione dell’operatore “attivo”

Articolo di Alessandro La Rosa Con l’attesissima sentenza pubblicata lo scorso 29 novembre, avente ad oggetto la causa promossa da VCAST Limited (Vcast) contro Reti Televisive Italiane s.p.a. (“RTI” – società del Gruppo Mediaset), la Corte di Giustizia UE (Causa C-265/16), ha chiarito che...
Categorie Commenti, Proprietà intellettuale, Homepage, Articoli Continua a leggere