Nove ragazzi californiani hanno denunciato Google poiché attraverso Apps for Education – un’applicazione gratuita che viene messa a disposizione da GMAIL e che conta circa 30 milioni di utilizzatori nel mondo – analizzerebbe, a fini pubblicitari, le informazioni contenute nella posta privata.

L’azienda di Cupertino ha confermato di scansionare e indicizzare le e-mail degli utenti di Apps for Education per diversi scopi, ma smentisce di utilizzarli per inviare pubblicità mirata agli utenti a meno che questi non scelgano di riceverne.

 

 

Fonte: Tgcom24.it

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Linking: l’autorizzazione iniziale alla pubblicazione dell’opera ritenuta necessaria dalla giurisprudenza europea

Articolo di Alessandro La Rosa Negli ultimi anni, in tema di diritto d’autore sono sorte interessanti problematiche anche con riferimento all’attività di “linking” tra diversi siti. Tralasciando la definizione tecnica, il link costituisce probabilmente l’elemento centrale della comunicazione online attraverso cui è possibile navigare...
Categorie Proprietà intellettuale, Approfondimenti, Homepage Continua a leggere