Nove ragazzi californiani hanno denunciato Google poiché attraverso Apps for Education – un’applicazione gratuita che viene messa a disposizione da GMAIL e che conta circa 30 milioni di utilizzatori nel mondo – analizzerebbe, a fini pubblicitari, le informazioni contenute nella posta privata.

L’azienda di Cupertino ha confermato di scansionare e indicizzare le e-mail degli utenti di Apps for Education per diversi scopi, ma smentisce di utilizzarli per inviare pubblicità mirata agli utenti a meno che questi non scelgano di riceverne.

 

 

Fonte: Tgcom24.it

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Cloud computing e copia privata: la sentenza della Corte di Giustizia UE. Illecita la riproduzione dell’operatore “attivo”

Articolo di Alessandro La Rosa Con l’attesissima sentenza pubblicata lo scorso 29 novembre, avente ad oggetto la causa promossa da VCAST Limited (Vcast) contro Reti Televisive Italiane s.p.a. (“RTI” – società del Gruppo Mediaset), la Corte di Giustizia UE (Causa C-265/16), ha chiarito che...
Categorie Commenti, Proprietà intellettuale, Homepage, Articoli Continua a leggere