Ancora una volta, l’innovativa azienda di Sky stupisce per il suo impegno nel mondo del digitale e della pubblicità lanciando AdSmart, un progetto sulla pubblicità “mirata” rubato al web ed oggi applicato anche alla televisione.

Si tratta di veri e propri spot pubblicitari ad personam profilati in base alle esigenze, ai gusti e alle abitudini dei propri abbonati. Il servizio consente, tramite MySky, di differenziare per target e per area geografica le campagne pubblicitarie dell’azienda al fine di destinare ad ogni cliente una pubblicità che meglio lo identifichi.

Una novità promossa anche dal Garante Privacy che ha accolto la richiesta di verifica preliminare presentata dalla stessa azienda, impartendo delle linee guida per tutelare maggiormente la riservatezza degli abbonati. Fra queste la possibilità di non aderire al progetto digitando “no” sul telecomando, l’obbligo di informativa ai clienti sulle finalità del servizio, che dovrà essere descritto nel dettaglio, e l’impegno a veicolare il messaggio più volte e con modalità tali da assicurarne la visibilità a più componenti della stessa famiglia.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Linking: l’autorizzazione iniziale alla pubblicazione dell’opera ritenuta necessaria dalla giurisprudenza europea

Articolo di Alessandro La Rosa Negli ultimi anni, in tema di diritto d’autore sono sorte interessanti problematiche anche con riferimento all’attività di “linking” tra diversi siti. Tralasciando la definizione tecnica, il link costituisce probabilmente l’elemento centrale della comunicazione online attraverso cui è possibile navigare...
Categorie Proprietà intellettuale, Approfondimenti, Homepage Continua a leggere