I siti internet sono considerati responsabili per i commenti anonimi che vi appaiono. E di conseguenza essere colpiti da una sanzione amministrativa che non va a compromettere la libertà di espressione.

Lo stabilisce la Corte europea dei diritti dell’uomo con una pronuncia (caso 64569/09) con cui i giudici di Strasburgo hanno stabilito che un portale d’informazione può essere «giustamente» ritenuto responsabile se non interviene, per prevenire, moderare o cancellare commenti anonimi offensivi, diffamatori o minacciosi.

Fonte: Il Sole 24 Ore

Articoli recenti

Pubblicazione in rete di opera fotografica a fini didattici e scopo di lucro: il parere dell’Avvocato Generale UE

Articolo di Alessandro La Rosa Non costituisce un atto di messa a disposizione del pubblico l’inserimento nel sito Internet di un istituto scolastico, senza fini lucrativi e con la citazione della fonte, di un lavoro didattico che include un’immagine fotografica alla quale qualsiasi internauta...
Categorie Giurisprudenza Corte di Giustizia, Proprietà intellettuale, Diritto europeo Continua a leggere