Confinare il fenomeno della pirateria è da sempre un operazione complessa ma scoprire che ad alimentarlo è Google getta nello sconforto più totale i sostenitori della legalità sul web. Nonostante ben 124 siti di streaming siano stati di recente oscurati dalla guardia di Finanza, centinaia di film da pochissimo presenti nelle sale cinematografiche o addirittura ancora in uscita, sarebbero presenti su un sito pirata che cela un legame con Google non difficile da svelare: tutti i film sono infatti stati caricati su Picasa come video, per poi essere riprodotti tramite un player HTML, JWPlayer, dalle pagine del sito. Quasi tutti i film sono ospitati da Google sui suoi server.

Le responsabilità di Google sembrano evidenti, basti pensare l’uso che se ne fa per trovare contenuti da scaricare o per caricare film e mandarli in streaming.

 

 

Fonte: dday.it

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Cloud computing e copia privata: la sentenza della Corte di Giustizia UE. Illecita la riproduzione dell’operatore “attivo”

Articolo di Alessandro La Rosa Con l’attesissima sentenza pubblicata lo scorso 29 novembre, avente ad oggetto la causa promossa da VCAST Limited (Vcast) contro Reti Televisive Italiane s.p.a. (“RTI” – società del Gruppo Mediaset), la Corte di Giustizia UE (Causa C-265/16), ha chiarito che...
Categorie Commenti, Proprietà intellettuale, Homepage, Articoli Continua a leggere