Nel 2013 i ricavi digitali dell’industria musicale sono cresciuti del 4,3%. Complessivamente il digitale rappresenta oggi il 39% del fatturato mondiale totale dell’industria.

È quanto emerge dal Digital Music Report 2014 dell’IFPI (“Federazione Internazionale dell’Industria Fonografica”) che evidenzia come a crescere siano in particolare i ricavi derivanti dai servizi in abbonamento (il numero di abbonati paganti è cresciuto del 40% dal 2012) e dalle piattaforme finanziate dalla pubblicità.

I consumatori sembrano, quindi, abbandonare i servizi pirata in favore di un sistema di musica legalizzato che remunera gli artisti e i titolari dei diritti.

E’ un dato interessante quello che emerge dalle generazioni più giovani: secondo una ricerca, condotta da Ipsos MediaCT, in dieci dei principali mercati musicali del mondo negli ultimi sei mesi, il 77% tra gli utenti Internet più giovani (16-24 anni) si è intrattenuto in una qualche forma di attività legale sul fronte della musica digitale.

 

 

Fonte: Corrierecomunicazioni.it

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Cloud computing e copia privata: la sentenza della Corte di Giustizia UE. Illecita la riproduzione dell’operatore “attivo”

Articolo di Alessandro La Rosa Con l’attesissima sentenza pubblicata lo scorso 29 novembre, avente ad oggetto la causa promossa da VCAST Limited (Vcast) contro Reti Televisive Italiane s.p.a. (“RTI” – società del Gruppo Mediaset), la Corte di Giustizia UE (Causa C-265/16), ha chiarito che...
Categorie Commenti, Proprietà intellettuale, Homepage, Articoli Continua a leggere