Allo studio in Gran Bretagna una proposta di legge finalizzata a coinvolgere maggiormente i motori di ricerca nelle attività di contrasto alla pirateria. Da tempo, il mondo degli autori lamenta infatti che tale categoria di operatori, nonostante le continue richieste, non farebbe abbastanza per difendere i loro interessi.

L’idea è di prevedere che i motori di ricerca debbano concordare, con i detentori dei diritti, l’adozione di codici di condotta funzionali alla deinidicizzazione dei link che rinviano a siti in cui sono memorizzati contenuti illeciti. In caso di mancato accordo fra le parti il codice di condotta verrebbe imposto, dall’alto, dalle autorità governative. Sarebbero poi previste delle sanzioni per le violazioni del codice stesso.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Cloud computing e copia privata: la sentenza della Corte di Giustizia UE. Illecita la riproduzione dell’operatore “attivo”

Articolo di Alessandro La Rosa Con l’attesissima sentenza pubblicata lo scorso 29 novembre, avente ad oggetto la causa promossa da VCAST Limited (Vcast) contro Reti Televisive Italiane s.p.a. (“RTI” – società del Gruppo Mediaset), la Corte di Giustizia UE (Causa C-265/16), ha chiarito che...
Categorie Commenti, Proprietà intellettuale, Homepage, Articoli Continua a leggere