Allo studio in Gran Bretagna una proposta di legge finalizzata a coinvolgere maggiormente i motori di ricerca nelle attività di contrasto alla pirateria. Da tempo, il mondo degli autori lamenta infatti che tale categoria di operatori, nonostante le continue richieste, non farebbe abbastanza per difendere i loro interessi.

L’idea è di prevedere che i motori di ricerca debbano concordare, con i detentori dei diritti, l’adozione di codici di condotta funzionali alla deinidicizzazione dei link che rinviano a siti in cui sono memorizzati contenuti illeciti. In caso di mancato accordo fra le parti il codice di condotta verrebbe imposto, dall’alto, dalle autorità governative. Sarebbero poi previste delle sanzioni per le violazioni del codice stesso.

Articoli recenti

Tribunale delle Imprese di Roma: la pubblicazione delle opere di Mediaset attraverso Dailymotion deve essere autorizzata

Articolo di Alessandro La Rosa Già lo scorso 22 febbraio, con provvedimento emesso inaudita altera parte, il Tribunale delle Imprese di Roma aveva ordinato a Dailymotion, video sharing platform francese controllata al 100% dal Gruppo Vivendi, di rimuovere immediatamente tutti i video estratti dal...
Categorie Giurisprudenza, Normativa, Proprietà intellettuale, Diritto europeo Continua a leggere