Allo studio in Gran Bretagna una proposta di legge finalizzata a coinvolgere maggiormente i motori di ricerca nelle attività di contrasto alla pirateria. Da tempo, il mondo degli autori lamenta infatti che tale categoria di operatori, nonostante le continue richieste, non farebbe abbastanza per difendere i loro interessi.

L’idea è di prevedere che i motori di ricerca debbano concordare, con i detentori dei diritti, l’adozione di codici di condotta funzionali alla deinidicizzazione dei link che rinviano a siti in cui sono memorizzati contenuti illeciti. In caso di mancato accordo fra le parti il codice di condotta verrebbe imposto, dall’alto, dalle autorità governative. Sarebbero poi previste delle sanzioni per le violazioni del codice stesso.

Articoli recenti

Pubblicazione in rete di opera fotografica a fini didattici e scopo di lucro: il parere dell’Avvocato Generale UE

Articolo di Alessandro La Rosa Non costituisce un atto di messa a disposizione del pubblico l’inserimento nel sito Internet di un istituto scolastico, senza fini lucrativi e con la citazione della fonte, di un lavoro didattico che include un’immagine fotografica alla quale qualsiasi internauta...
Categorie Giurisprudenza Corte di Giustizia, Proprietà intellettuale, Diritto europeo Continua a leggere