Con il referendum che si terrà il 3 novembre a San Francisco, che potrebbe potenzialmente limitare gli affitti temporanei a sole 75 notti l’anno, la città statunitense sferra un duro colpo ai servizi web che come Airbnb offrono alloggi alternativi ai classici alberghi.

La piattaforma online ha reagito con la diffusione di messaggi, dichiarazioni e addirittura cartelli pubblicitari, richiamando, in particolare, i 12 milioni di dollari in tasse pagati ogni anno dai propri utenti allo Stato americano.

Una strategia troppo aggressiva e molto criticata che ha costretto Airbnb a scusarsi e fare marcia indietro tramite un comunicato stampa nonché un successivo chiarimento, sul proprio profilo Twitter, nel quale dichiara di aver effettivamente “sbagliato approccio”.

Articoli recenti

Pubblicazione in rete di opera fotografica a fini didattici e scopo di lucro: il parere dell’Avvocato Generale UE

Articolo di Alessandro La Rosa Non costituisce un atto di messa a disposizione del pubblico l’inserimento nel sito Internet di un istituto scolastico, senza fini lucrativi e con la citazione della fonte, di un lavoro didattico che include un’immagine fotografica alla quale qualsiasi internauta...
Categorie Giurisprudenza Corte di Giustizia, Proprietà intellettuale, Diritto europeo Continua a leggere