A poche settimane dal parere reso dall’Avvocato Generale UE sulla responsabilità del fornitore di una rete WI-FI per eventuali violazioni di diritti autorali commesse da terzi (qui), la German Federal Supreme Court ha stabilito (con sentenza del 12 maggio 2016) che il titolare di un abbonamento per l’accesso alla rete si presume responsabile delle violazioni dei diritti d’autore di terzi che vengono commesse attraverso la propria utenza, a meno che non fornisca elementi di prova altamente specifici in merito all’identità dell’effettivo autore della violazione.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Linking: l’autorizzazione iniziale alla pubblicazione dell’opera ritenuta necessaria dalla giurisprudenza europea

Articolo di Alessandro La Rosa Negli ultimi anni, in tema di diritto d’autore sono sorte interessanti problematiche anche con riferimento all’attività di “linking” tra diversi siti. Tralasciando la definizione tecnica, il link costituisce probabilmente l’elemento centrale della comunicazione online attraverso cui è possibile navigare...
Categorie Proprietà intellettuale, Approfondimenti, Homepage Continua a leggere