Il Tribunale di Milano ha respinto l’istanza di sospensione del provvedimento di inibitoria del servizio Uber Pop emesso lo scorso 26 maggio in accoglimento del ricorso cautelare presentato dalle associazioni di categoria dei tassisti.

L’attività prestata dal Gruppo Uber,che permetteva a chiunque attraverso l’apposita app di improvvisarsi autista offrendo passaggi dietro un compenso e senza essere titolari di alcuna licenza, viene definita nel provvedimento come “concorrenza sleale” nei confronti dei tassisti trattandosi di un’attività che “incoraggia l’abusivismo”.

In attesa del 7 luglio, data in cui verrà discusso nel merito il ricorso di Uber, l’azienda americana prepara l’appello e promette battaglia promuovendo campagne su Twitter, Facebook, nonché sul proprio sito web volte a “far sentire la voce a chi ha il potere di cambiare le cose” e dichiara che continuerà “a lottare per offrire una mobilità di qualità ed affidabile a chi non trova soddisfazione nelle soluzioni tradizionali”. 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Cloud computing e copia privata: la sentenza della Corte di Giustizia UE. Illecita la riproduzione dell’operatore “attivo”

Articolo di Alessandro La Rosa Con l’attesissima sentenza pubblicata lo scorso 29 novembre, avente ad oggetto la causa promossa da VCAST Limited (Vcast) contro Reti Televisive Italiane s.p.a. (“RTI” – società del Gruppo Mediaset), la Corte di Giustizia UE (Causa C-265/16), ha chiarito che...
Categorie Commenti, Proprietà intellettuale, Homepage, Articoli Continua a leggere