Nel 2013 è aumentato del 17% il valore dei prodotti e servizi acquistati da siti operanti in Italia, per un valore pari a 13,3 miliardi di euro. Il solo filone dell’e-commerce in mobilità, tramite smartphone e tablet, vale circa 2,6 miliardi. Queste cifre saranno presumibilmente soggette a crescita se si considera che i numeri italiani sono solo la metà di quelli francesi e molto più bassi di quelli del Regno Unito. Si tratta di dati provenienti dalla School of management del Politecnico di Milano in collaborazione con Netcomm e pubblicati dal quotidiano “Il Sole 24 Ore”. L’abbigliamento (14%) e i prodotti tecnologici (12%) sono i prodotti fisici più venduti, cui seguono l’editoria (3%) e il grocery.

Viaggi e pacchetti turistici si confermano i best seller dei servizi.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Linking: l’autorizzazione iniziale alla pubblicazione dell’opera ritenuta necessaria dalla giurisprudenza europea

Articolo di Alessandro La Rosa Negli ultimi anni, in tema di diritto d’autore sono sorte interessanti problematiche anche con riferimento all’attività di “linking” tra diversi siti. Tralasciando la definizione tecnica, il link costituisce probabilmente l’elemento centrale della comunicazione online attraverso cui è possibile navigare...
Categorie Proprietà intellettuale, Approfondimenti, Homepage Continua a leggere