Lo scorso giugno Vg Media – organismo che rappresenta media tedeschi quali Axel Springer (proprietario di Bild e Die Welt), Burda, Madsack ou Funke – aveva imputato a Google il mancato rispetto dei propri diritti di proprietà intellettuale e richiesto al motore di ricerca un compenso per l’utilizzo dei propri contenuti nel web.

La reazione di Google non si è fatta attendere al punto da annunciare che, a partire dal prossimo 9 ottobre,  farà apparire nei suoi motori di ricerca solo i titoli degli articoli senza immagini né descrizioni, di fatto, penalizzando i media tedeschi.

Esprimendosi sulla vicenda Google ha provato ad ammorbidire la propria posizione dichiarando: “Facciamo del nostro meglio per aiutare gli editori ad acquisire lettori e generare ulteriore fatturato online. Inoltre è bene ricordare che gli editori sono liberi di scegliere se far apparire nei prodotti di Google il loro contenuto – brevi snippet di testo e miniature delle immagini. Tuttavia, considerati i reclami di VG media stiamo ulteriormente limitando i modi in cui il contenuto di questi editori appare nei nostri servizi di ricerca e di news. L’azione che stiamo prendendo è simile alle misure già adottate da altri”.

 

Fonte: ilsole24ore.com

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Linking: l’autorizzazione iniziale alla pubblicazione dell’opera ritenuta necessaria dalla giurisprudenza europea

Articolo di Alessandro La Rosa Negli ultimi anni, in tema di diritto d’autore sono sorte interessanti problematiche anche con riferimento all’attività di “linking” tra diversi siti. Tralasciando la definizione tecnica, il link costituisce probabilmente l’elemento centrale della comunicazione online attraverso cui è possibile navigare...
Categorie Proprietà intellettuale, Approfondimenti, Homepage Continua a leggere