L’Ufficio Centrale Antifrode Mezzi di Pagamento (UCAMP) del Dipartimento del Tesoro ha pubblicato il rapporto annuale sulle frodi con carta di pagamento, dal quale è emerso che il fenomeno è notevolmente diminuito rispetto alle statistiche degli anni precedenti.

Il valore delle frodi, da intendersi come quelle transazioni non riconosciute e quindi contestate dal proprietario della carta, passa dallo 0,0195% del 2013 allo 0,0189% del 2014 sul totale dei pagamenti genuini, un dato decisamente più basso rispetto ad altri paesi europei come ad esempio Francia e Regno Unito per i quali il valore si aggira intorno allo 0,7%.

Sul web, invece, il valore medio delle frodi è aumentato del 5% con una riduzione del valore medio delle singole transazioni passando da 177,00 a 151,00 euro.

Tuttavia, a tale diminuzione corrisponde un costante incremento delle transazioni web con bancomat e carte di credito, che aumentano del 12,9% in valore e del 15,4% in numero delle transazioni.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Cloud computing e copia privata: la sentenza della Corte di Giustizia UE. Illecita la riproduzione dell’operatore “attivo”

Articolo di Alessandro La Rosa Con l’attesissima sentenza pubblicata lo scorso 29 novembre, avente ad oggetto la causa promossa da VCAST Limited (Vcast) contro Reti Televisive Italiane s.p.a. (“RTI” – società del Gruppo Mediaset), la Corte di Giustizia UE (Causa C-265/16), ha chiarito che...
Categorie Commenti, Proprietà intellettuale, Homepage, Articoli Continua a leggere