L’11 aprile si è dato il via al Privacy Sweep 2016, l’indagine volta a verificare il rispetto della privacy nell’Internet of things che quest’anno coinvolgerà ventinove paesi del mondo.

L’iniziativa – che osserverà dispositivi molto diversi fra loro, dalle smart car agli orologi intelligenti che misurano il battito cardiaco, sino al controllo a distanza di ascensori e frigoriferi che segnalano la scadenza dei cibi – trae origine dalla cooperazione tra le Autorità garanti della privacy di diversi paesi ed è coordinata dalla Global Privacy Enforcement Network (GPEN).

Si tratterà di uno studio effettuato all’esito di analoghe indagini compiute negli ultimi tempi in molteplici paesi che hanno esaminato i servizi online destinati a minori, le informative privacy su siti web e le app per la telefonia mobile, nonché il rispetto delle norme sulla protezione dei dati da parte delle aziende, anche multinazionali, operanti nel settore.

Articoli recenti

Pubblicazione in rete di opera fotografica a fini didattici e scopo di lucro: il parere dell’Avvocato Generale UE

Articolo di Alessandro La Rosa Non costituisce un atto di messa a disposizione del pubblico l’inserimento nel sito Internet di un istituto scolastico, senza fini lucrativi e con la citazione della fonte, di un lavoro didattico che include un’immagine fotografica alla quale qualsiasi internauta...
Categorie Giurisprudenza Corte di Giustizia, Proprietà intellettuale, Diritto europeo Continua a leggere