L’11 aprile si è dato il via al Privacy Sweep 2016, l’indagine volta a verificare il rispetto della privacy nell’Internet of things che quest’anno coinvolgerà ventinove paesi del mondo.

L’iniziativa – che osserverà dispositivi molto diversi fra loro, dalle smart car agli orologi intelligenti che misurano il battito cardiaco, sino al controllo a distanza di ascensori e frigoriferi che segnalano la scadenza dei cibi – trae origine dalla cooperazione tra le Autorità garanti della privacy di diversi paesi ed è coordinata dalla Global Privacy Enforcement Network (GPEN).

Si tratterà di uno studio effettuato all’esito di analoghe indagini compiute negli ultimi tempi in molteplici paesi che hanno esaminato i servizi online destinati a minori, le informative privacy su siti web e le app per la telefonia mobile, nonché il rispetto delle norme sulla protezione dei dati da parte delle aziende, anche multinazionali, operanti nel settore.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Cloud computing e copia privata: la sentenza della Corte di Giustizia UE. Illecita la riproduzione dell’operatore “attivo”

Articolo di Alessandro La Rosa Con l’attesissima sentenza pubblicata lo scorso 29 novembre, avente ad oggetto la causa promossa da VCAST Limited (Vcast) contro Reti Televisive Italiane s.p.a. (“RTI” – società del Gruppo Mediaset), la Corte di Giustizia UE (Causa C-265/16), ha chiarito che...
Categorie Commenti, Proprietà intellettuale, Homepage, Articoli Continua a leggere