Il blogger, se fa informazione, è soggetto a regole e garanzie proprie del giornalista, almeno ai fini dell’applicabilità delle norme contenute nel Codice Privacy. Egli, secondo quanto affermato dal Garante , non commette illecito, in particolare, nel riportare nel proprio blog notizie e commenti, anche senza consenso, purché rispetti i diritti, le libertà fondamentali e la dignità della persona di cui scrive.

E’ stato così dichiarato infondato il ricorso di una donna, noto personaggio pubblico, che aveva chiesto la rimozione da un blog di un articolo in cui erano riportate vicende sentimentali e giudiziarie che la riguardavano. L’interessata riteneva che i suoi dati personali fossero stati illecitamente diffusi on line, contestando l’applicabilità al suo caso delle disposizioni contenute nel Codice Privacy a tutela della manifestazione del pensiero.

Nel definire il ricorso, il Garante ha stabilito invece che la disciplina in materia di protezione dei dati personali è applicabile anche al blog che svolge attività di informazione, al quale deve applicarsi, quindi, l’art. 136 del Codice Privacy, che estende le garanzie riguardanti l’attività giornalistica ad ogni altra attività di manifestazione del pensiero, anche se non effettuata da giornalisti professionisti o pubblicisti.

Articoli recenti

Tribunale delle Imprese di Roma: la pubblicazione delle opere di Mediaset attraverso Dailymotion deve essere autorizzata

Articolo di Alessandro La Rosa Già lo scorso 22 febbraio, con provvedimento emesso inaudita altera parte, il Tribunale delle Imprese di Roma aveva ordinato a Dailymotion, video sharing platform francese controllata al 100% dal Gruppo Vivendi, di rimuovere immediatamente tutti i video estratti dal...
Categorie Giurisprudenza, Normativa, Proprietà intellettuale, Diritto europeo Continua a leggere