Sono trascorsi cinque mesi dalla pronuncia della Corte di giustizia europea in materia di diritto all’oblio.

Questo il primo bilancio diffuso da Google: il motore di ricerca ha esaminato un totale di 524.159 url, a fronte di 157.255 richieste ricevute (spesso in un’unica richiesta sono stati inseriti più url relativi alla stessa notizia). Finora si è espresso solo su 449.000 url (il resto è ancora sotto esame) e ha dato l’ok alla rimozione nel 41,9% dei casi, bocciando il rimanente 58,1%, Nel nostro paese sono pervenute 11.380 richieste per la rimozione di 39.537 link.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Cloud computing e copia privata: la sentenza della Corte di Giustizia UE. Illecita la riproduzione dell’operatore “attivo”

Articolo di Alessandro La Rosa Con l’attesissima sentenza pubblicata lo scorso 29 novembre, avente ad oggetto la causa promossa da VCAST Limited (Vcast) contro Reti Televisive Italiane s.p.a. (“RTI” – società del Gruppo Mediaset), la Corte di Giustizia UE (Causa C-265/16), ha chiarito che...
Categorie Commenti, Proprietà intellettuale, Homepage, Articoli Continua a leggere