Da un recente studio dell’Euipo, Ufficio della UE che si occupa di proprietà intellettuale, è emerso che nell’ultimo anno il 25% dei giovani tra i 15 e i 24 anni ha utilizzato fonti illegali per accedere a contenuti audiovisivi sul web.

Secondo le risposte fornite dagli intervistati, le ricerche hanno ad oggetto principalmente film e serie televisive seguiti dalla musica e dall’abbigliamento contraffatto.

L’accesso a contenuti digitali da fonti illegali non viene percepito come una irregolarità dagli acquirenti, poiché effettuato principalmente per uso personale. Da quanto dichiarato, l’unico vero rischio avvertito dagli utenti è quello inerente la sicurezza della privacy sui dati della carta di credito ed il rischio di phishing.

Sul podio europeo degli acquisti illegali prima fra tutte è la Francia dove il 34% ha utilizzato fonti illegali per film e musica e l’11% ha acquistato “falsi” beni tradizionali, seguita dalla Spagna (34%) e dell’Italia (21%).

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Linking: l’autorizzazione iniziale alla pubblicazione dell’opera ritenuta necessaria dalla giurisprudenza europea

Articolo di Alessandro La Rosa Negli ultimi anni, in tema di diritto d’autore sono sorte interessanti problematiche anche con riferimento all’attività di “linking” tra diversi siti. Tralasciando la definizione tecnica, il link costituisce probabilmente l’elemento centrale della comunicazione online attraverso cui è possibile navigare...
Categorie Proprietà intellettuale, Approfondimenti, Homepage Continua a leggere