E’ stato definito “il match del secolo” l’incontro tra i due pugili Manny Pacquiao e Floyd Mayweather Jr,  trasmesso sabato in modalità «pay-per-view» sui canali HBO e Showtime.

Quella sera, lo stesso incontro è stato viso da centinaia di migliaia di utenti in tutto il mondo su Periscope, l’applicazione acquistata da Twitter che permette di fare di ogni utente un video-reporter: decine di utenti – sia direttamente dall’arena dove si svolgeva l’incontro che da casa – hanno condiviso in tempo reale il match e diffuso al pubblico contenuti video protetti dal diritto d’autore.

Il CEO di Periscope, Kayvon Beykpour, ha minimizzato dichiarando che sulle 66 richieste di rimozione di live streaming del match ne sono state eliminate 30 entro pochi minuti, mentre le rimanenti erano nel frattempo terminate. Seppur abbia infine dichiarato di essere pronto a lavorare insieme alle TV private per contrastare la pirateria, non esiste al momento una effettiva tutela che possa impedire l’abuso da parte di queste nuove app di live-streaming dei diritti d’autore.

Articoli recenti

Tribunale delle Imprese di Roma: la pubblicazione delle opere di Mediaset attraverso Dailymotion deve essere autorizzata

Articolo di Alessandro La Rosa Già lo scorso 22 febbraio, con provvedimento emesso inaudita altera parte, il Tribunale delle Imprese di Roma aveva ordinato a Dailymotion, video sharing platform francese controllata al 100% dal Gruppo Vivendi, di rimuovere immediatamente tutti i video estratti dal...
Categorie Giurisprudenza, Normativa, Proprietà intellettuale, Diritto europeo Continua a leggere