L’Autorità Garante della Privacy emette nuove direttive rivolte ai soggetti che offrono servizi di mobile payment e cioè operatori di comunicazione elettronica, aggregatori (hub) e venditori. Obiettivo del provvedimento dell’Autorità è quello di garantire chi usa smatphone e tablet per acquistare servizi, abbonarsi a quotidiani on line, comprare e-book, scaricare a pagamento film o giochi.

In un mercato del pagamento sempre più dinamico, si intende garantire un trattamento sicuro delle informazioni che riguardano gli utenti e prevenire i rischi di un loro uso improprio. Operatori, aggregatori e venditori saranno quindi tenuti ad adottare precise misure per garantire la confidenzialità dei dati.

Prima del varo definitivo del provvedimento, l’Autorità ha deciso di sottoporre il testo ad una consultazione pubblica: soggetti interessati, associazioni di categoria degli imprenditori e dei consumatori, università, centri di ricerca, potranno far pervenire i loro contributi e osservazioni al Garante.

Fonte: www.garanteprivacy.it

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Linking: l’autorizzazione iniziale alla pubblicazione dell’opera ritenuta necessaria dalla giurisprudenza europea

Articolo di Alessandro La Rosa Negli ultimi anni, in tema di diritto d’autore sono sorte interessanti problematiche anche con riferimento all’attività di “linking” tra diversi siti. Tralasciando la definizione tecnica, il link costituisce probabilmente l’elemento centrale della comunicazione online attraverso cui è possibile navigare...
Categorie Proprietà intellettuale, Approfondimenti, Homepage Continua a leggere