Un nuovo fronte caldo per Facebook: le authority di Belgio, Francia, Germania, Olanda e Spagna hanno aperto inchieste per valutare l’uso (e l’eventuale abuso) da parte del social network dei dati sensibili degli utenti. Anche il New York Times ha in questi giorni scritto che “le leggi europee sulla protezione dei dati personali sono più restrittive in Europa che negli Stati Uniti”, evidenziando come le autorità europee stiano analizzando tutti i siti che contengono il bottone “I like” (o “mi piace”), in quanto Facebook utilizzi i dati degli utenti anche estrapolandoli da questi siti e non esclusivamente dal proprio.

La risposta del colosso americano non si è fatta attendere: il responsabile public affairs di Facebook, Richard Allan, ha definito “senza senso” il fatto che 28 Paesi debbano dare diverse interpretazione della medesima legislazione, e che ragionevolmente di ciò beneficeranno gli Stati con una legislazione sulla privacy più permissiva.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Linking: l’autorizzazione iniziale alla pubblicazione dell’opera ritenuta necessaria dalla giurisprudenza europea

Articolo di Alessandro La Rosa Negli ultimi anni, in tema di diritto d’autore sono sorte interessanti problematiche anche con riferimento all’attività di “linking” tra diversi siti. Tralasciando la definizione tecnica, il link costituisce probabilmente l’elemento centrale della comunicazione online attraverso cui è possibile navigare...
Categorie Proprietà intellettuale, Approfondimenti, Homepage Continua a leggere