Tre fra le più note etichette discografiche russe (Music Russia, Universal Music Russia, and Warner Music UK) hanno fatto causa a V-Kontale il più noto social network russo per aver agevolato deliberatamente la pirateria su larga scala.

Ciò che mirano ad ottenere le etichette discografiche è un provvedimento che imponga al portale web di rimuovere il materiale illecito e condanni lo stesso ad un congruo risarcimento del danno.

Allo stesso tempo, le etichette discografiche auspicano che l’azione possa indurre V-Kontale ad implementare l’uso di tecnologie finalizzate a prevenire l’upload di materiale illecito.

Non è la prima volta che V-Kontale finisce sotto osservazione per violazioni di copyright: il social network viene infatti molto spesso utilizzato proprio per la condivisione e la distribuzione in streaming di materiale protetto dal diritto d’autore: film, software e soprattutto musica.

Lo scorso novembre anche il Tribunale di Roma aveva ordinato l’oscuramento del sito per illecita diffusione di materiale coperto da diritto d’autore.

 

 

Fonte: Arstechnica.com

Articoli recenti

Corte di Giustizia UE (causa C-263/18): si torna sul tema della differenza tra diritto di distribuzione e diritto di comunicazione al pubblico di opere protette

Articolo di Priscilla Casoni Attraverso le proprie conclusioni presentate lo scorso 10 settembre, relative alla causa C-263/18 pendente davanti alla Corte di Giustizia dell’Unione europea, l’Avv. Generale Szpunar ha analizzato il tema della differenza fra diritto di distribuzione ed diritto di comunicazione al...
Categorie Proprietà intellettuale Continua a leggere

La Corte di Giustizia ridefinisce gli obblighi di stay down degli hosting provider: Facebook deve rimuovere tutti i contenuti illeciti “identici” ed “equivalenti” indipendentemente dall’identità dell’autore della violazione e su scala mondiale

Articolo di Alessandro La Rosa Con sentenza del 3 ottobre 2019, la CGUE ha deciso la causa C-18/18 (avevamo già dato atto del parere dell’Avvocato Generale qui). I FATTI Il 3 aprile 2016, un utente di Facebook ha condiviso, sulla sua pagina personale, un...
Categorie Proprietà intellettuale Continua a leggere