Dopo i giudici europei, anche quelli canadesi affrontano la questione della possibilità di imporre ai motori di ricerca la deindicizzazione dei link che conducono a contenuti illeciti.

La Corte Suprema della British Columbia ha infatti ordinato a Google di rimuovere dai risultati offerti dal proprio servizio di web search alcuni link che conducevano a siti che commerciavano prodotti, presumibilmente, in violazione degli altrui diritti di proprietà intellettuale.

Nella pronuncia viene inoltre specificato che la deindicizzazione dovrà avvenire su scala globale: Google dovrà fare in modo che i link incriminati non siano più resi accessibili in alcun territorio attraverso i propri servizi.

 

Articoli recenti

Tribunale delle Imprese di Roma: la pubblicazione delle opere di Mediaset attraverso Dailymotion deve essere autorizzata

Articolo di Alessandro La Rosa Già lo scorso 22 febbraio, con provvedimento emesso inaudita altera parte, il Tribunale delle Imprese di Roma aveva ordinato a Dailymotion, video sharing platform francese controllata al 100% dal Gruppo Vivendi, di rimuovere immediatamente tutti i video estratti dal...
Categorie Giurisprudenza, Normativa, Proprietà intellettuale, Diritto europeo Continua a leggere