Dopo i giudici europei, anche quelli canadesi affrontano la questione della possibilità di imporre ai motori di ricerca la deindicizzazione dei link che conducono a contenuti illeciti.

La Corte Suprema della British Columbia ha infatti ordinato a Google di rimuovere dai risultati offerti dal proprio servizio di web search alcuni link che conducevano a siti che commerciavano prodotti, presumibilmente, in violazione degli altrui diritti di proprietà intellettuale.

Nella pronuncia viene inoltre specificato che la deindicizzazione dovrà avvenire su scala globale: Google dovrà fare in modo che i link incriminati non siano più resi accessibili in alcun territorio attraverso i propri servizi.

 

Articoli recenti

Pubblicazione in rete di opera fotografica a fini didattici e scopo di lucro: il parere dell’Avvocato Generale UE

Articolo di Alessandro La Rosa Non costituisce un atto di messa a disposizione del pubblico l’inserimento nel sito Internet di un istituto scolastico, senza fini lucrativi e con la citazione della fonte, di un lavoro didattico che include un’immagine fotografica alla quale qualsiasi internauta...
Categorie Giurisprudenza Corte di Giustizia, Proprietà intellettuale, Diritto europeo Continua a leggere