Le farmacie e gli esercizi commerciali, parafarmacie o “corner della salute” possono vendere online medicinali senza obbligo di prescrizione solo se dotate di un Logo Identificativo Nazionale, conforme alle indicazioni fissate e riconosciute da tutta l’Unione, che deve essere visibile su ogni pagina del sito web attraverso cui viene esercitata l’attività commerciale. È quanto stabilito dal decreto del 6 luglio 2015 pubblicato il 25 gennaio 2016 con cui il Ministero della Salute ha disciplinato la procedura di rilascio di tale logo alle farmacie o esercizi commerciali autorizzati dalla Regione, dalla Provincia autonoma o dalle altre autorità competenti.

Il decreto stabilisce, in particolare che tale logo è assegnato dal Ministero con un’unica copia digitale non trasferibile e che il suo utilizzo non conferisce nessun diritto di proprietà intellettuale o altri diritti di proprietà sullo stesso (art. 1); che non è possibile affittare, dare in locazione, trasferire o cedere tale logo, né modificare il suo aspetto se non nella variazione proporzionale delle sue dimensioni (art.2).

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Cloud computing e copia privata: la sentenza della Corte di Giustizia UE. Illecita la riproduzione dell’operatore “attivo”

Articolo di Alessandro La Rosa Con l’attesissima sentenza pubblicata lo scorso 29 novembre, avente ad oggetto la causa promossa da VCAST Limited (Vcast) contro Reti Televisive Italiane s.p.a. (“RTI” – società del Gruppo Mediaset), la Corte di Giustizia UE (Causa C-265/16), ha chiarito che...
Categorie Commenti, Proprietà intellettuale, Homepage, Articoli Continua a leggere