Con l’acquisizione di LinkedIn da parte di Microsoft – per un valore di 26, 6 miliardi – si è conclusa una delle più importanti fusioni nel mondo del web degli ultimi anni, che consentirà una collaborazione strategica tra il maggiore produttore di software ed il più importante social network per professionisti.

Microsoft, grazie a LinkedIn, potrà raggiungere oltre 430 milioni di utenti, lievitati del 19% soltanto nell’ultimo anno. Per LinkedIn significa diventare parte integrante di uno dei leader tecnologici globali, potendo contare su di una potenziata “piattaforma” per la diffusione e espansione dei suoi servizi.

In una lettera ai dipendenti, il CEO di Microsoft illustra in poche parole il senso di questa operazione: “Unire il mondo del professional cloud e quello del professional network”, cioè superare la separazione tra gli strumenti tech che consentono ai lavoratori di svolgere i loro compiti – quali i programmi Office – e le nuove reti che permettono ai dipendenti di essere collegati tra di loro e affrontare così con miglior efficacia e produttività le sfide sul lavoro. Le due aziende hanno previsto il completamento della fusione entro l’anno e risparmi da sinergie pari a 150 milioni l’anno entro il 2018.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Linking: l’autorizzazione iniziale alla pubblicazione dell’opera ritenuta necessaria dalla giurisprudenza europea

Articolo di Alessandro La Rosa Negli ultimi anni, in tema di diritto d’autore sono sorte interessanti problematiche anche con riferimento all’attività di “linking” tra diversi siti. Tralasciando la definizione tecnica, il link costituisce probabilmente l’elemento centrale della comunicazione online attraverso cui è possibile navigare...
Categorie Proprietà intellettuale, Approfondimenti, Homepage Continua a leggere