L’operazione “Fenice”, coordinata dalla Procura di Roma e condotta dal Nucleo speciale per la radiodiffusione e l’editoria della Guardia di finanza, ha permesso di  identificare i responsabili della diffusione gratuita sul web della versione integrale di periodici a pagamento.

In seguito alle indagini, dieci siti web (allocati in Italia) sono stato sequestrati, altri cinque (allocati all’estero) sono stati oscurati e cinque persone sono state denunciate per illecita diffusione sul web di contenuti protetti dal diritto d’autore.

I siti in questione, grazie ai numerosi inserti pubblicitari, ricavavano ingenti proventi in danno degli editori, senza contare poi le perdite economiche subite dai periodici in relazione alla mancata vendita di copie e abbonamenti.

Il presidente della Fieg (Federazione Italiana Editori Giornali) Maurizio Costa si è mostrato estremamente soddisfatto sull’esito dell’operazione “Fenice” sottolineando “profondo apprezzamento per l’ulteriore segnale di attenzione al settore dell’editoria e di impegno concreto nella difficile attività di protezione del diritto d’autore”.

Articoli recenti

Tribunale delle Imprese di Roma: la pubblicazione delle opere di Mediaset attraverso Dailymotion deve essere autorizzata

Articolo di Alessandro La Rosa Già lo scorso 22 febbraio, con provvedimento emesso inaudita altera parte, il Tribunale delle Imprese di Roma aveva ordinato a Dailymotion, video sharing platform francese controllata al 100% dal Gruppo Vivendi, di rimuovere immediatamente tutti i video estratti dal...
Categorie Giurisprudenza, Normativa, Proprietà intellettuale, Diritto europeo Continua a leggere