Secondo le stime del Netcomm (Consorzio del Commercio Elettronico Italiano), l’e-commerce è un settore in crescita del 15% per l’anno in corso e raggiungerà in Italia oltre i 15 miliardi di euro di fatturato.
Tuttavia, veri e propri network criminali gestiscono unitariamente decine di siti di commercio illecito di prodotti, spesso riconducibili ai marchi più noti.
L’inadeguatezza del D. Lgs. n. 70/2003 – attuativo della “Direttiva Europea sul Commercio Elettronico” – rispetto alla ratio di arginare il dilagante fenomeno della vendita di prodotti contraffatti via internet, ha indotto tre soggetti – Ministero dello Sviluppo Economico, Netcomm e Indicam (Istituto di Centromarca per la lotta alla contraffazione) – a siglare, nella giornata di ieri, la cosiddetta “Carta Italia”.
Si tratta di un accordo di tipo volontaristico che prevede impegni cogenti in capo a tutti i soggetti coinvolti nella filiera produttiva e distributiva operante in Italia: titolari dei diritti, merchant, gestori delle piattaforme di e-commerce, produttori licenziatari e associazioni dei consumatori, i quali sanciscono, in questo modo, la loro collaborazione nella lotta contro la contraffazione online per la salvaguardia dei reciproci interessi.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Cloud computing e copia privata: la sentenza della Corte di Giustizia UE. Illecita la riproduzione dell’operatore “attivo”

Articolo di Alessandro La Rosa Con l’attesissima sentenza pubblicata lo scorso 29 novembre, avente ad oggetto la causa promossa da VCAST Limited (Vcast) contro Reti Televisive Italiane s.p.a. (“RTI” – società del Gruppo Mediaset), la Corte di Giustizia UE (Causa C-265/16), ha chiarito che...
Categorie Commenti, Proprietà intellettuale, Homepage, Articoli Continua a leggere