Secondo le stime del Netcomm (Consorzio del Commercio Elettronico Italiano), l’e-commerce è un settore in crescita del 15% per l’anno in corso e raggiungerà in Italia oltre i 15 miliardi di euro di fatturato.
Tuttavia, veri e propri network criminali gestiscono unitariamente decine di siti di commercio illecito di prodotti, spesso riconducibili ai marchi più noti.
L’inadeguatezza del D. Lgs. n. 70/2003 – attuativo della “Direttiva Europea sul Commercio Elettronico” – rispetto alla ratio di arginare il dilagante fenomeno della vendita di prodotti contraffatti via internet, ha indotto tre soggetti – Ministero dello Sviluppo Economico, Netcomm e Indicam (Istituto di Centromarca per la lotta alla contraffazione) – a siglare, nella giornata di ieri, la cosiddetta “Carta Italia”.
Si tratta di un accordo di tipo volontaristico che prevede impegni cogenti in capo a tutti i soggetti coinvolti nella filiera produttiva e distributiva operante in Italia: titolari dei diritti, merchant, gestori delle piattaforme di e-commerce, produttori licenziatari e associazioni dei consumatori, i quali sanciscono, in questo modo, la loro collaborazione nella lotta contro la contraffazione online per la salvaguardia dei reciproci interessi.

Articoli recenti

Tribunale delle Imprese di Roma: la pubblicazione delle opere di Mediaset attraverso Dailymotion deve essere autorizzata

Articolo di Alessandro La Rosa Già lo scorso 22 febbraio, con provvedimento emesso inaudita altera parte, il Tribunale delle Imprese di Roma aveva ordinato a Dailymotion, video sharing platform francese controllata al 100% dal Gruppo Vivendi, di rimuovere immediatamente tutti i video estratti dal...
Categorie Giurisprudenza, Normativa, Proprietà intellettuale, Diritto europeo Continua a leggere