Blogger e social media follower sono equiparati ai giornalisti ai fini dell’integrazione del reato di diffamazione aggravata previsto dall’art. 595, comma 3, del codice penale: la Corte di Cassazione, I sezione penale, ha infatti esteso la circostanza aggravante del “mezzo della stampa o un qualsiasi altro mezzo di pubblicità”, ai casi di diffamazione a mezzo social network.

La ratio è ravvisabile in potenzialità, idoneità e capacità del mezzo internet a coinvolgere e raggiungere un numero indeterminato di destinatari, cagionando alla persona offesa un maggiore danno, diffuso in ambiti sociali allargati e concentrici.

La Suprema Corte si è pronunciata in tal senso nell’ambito di una controversia instaurata con la denuncia/querela di un privato offeso da un “amico” di Facebook sulla propria bacheca.

Giudice di pace e Tribunale capitolini avevano già dichiarato la propria incompetenza a giudicare la materia: il primo in quanto il reato di diffamazione è escluso dalla propria competenza funzionale; il secondo in quanto la parte offesa non avrebbe correttamente gestito i meccanismi a tutela della privacy del proprio profilo Facebook.

 

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Linking: l’autorizzazione iniziale alla pubblicazione dell’opera ritenuta necessaria dalla giurisprudenza europea

Articolo di Alessandro La Rosa Negli ultimi anni, in tema di diritto d’autore sono sorte interessanti problematiche anche con riferimento all’attività di “linking” tra diversi siti. Tralasciando la definizione tecnica, il link costituisce probabilmente l’elemento centrale della comunicazione online attraverso cui è possibile navigare...
Categorie Proprietà intellettuale, Approfondimenti, Homepage Continua a leggere