Il Garante pubblica il vademecum “Privacy e recupero crediti” nel tentativo di chiarire quali dati personali si possono trattare nell’ambito dell’attività di recupero crediti, come conservarli e quali sono i limiti del diritto alla riservatezza del debitore.

Il testo è suddiviso in otto sezioni, dai principi generali alle prassi ritenute illecite, all’esercizio dei diritti, indicando i documenti di riferimento.

La guida, che riporta anche i riferimenti ai principali provvedimenti dell’Autorità in materia, è finalizzata ad illustrare sinteticamente ed in modo semplice a quali principi devono ispirarsi coloro che svolgono attività di recupero del credito e le garanzie riconosciute al debitore.

Il vademecum può essere scaricato dal sito web dell’Autorità.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Cloud computing e copia privata: la sentenza della Corte di Giustizia UE. Illecita la riproduzione dell’operatore “attivo”

Articolo di Alessandro La Rosa Con l’attesissima sentenza pubblicata lo scorso 29 novembre, avente ad oggetto la causa promossa da VCAST Limited (Vcast) contro Reti Televisive Italiane s.p.a. (“RTI” – società del Gruppo Mediaset), la Corte di Giustizia UE (Causa C-265/16), ha chiarito che...
Categorie Commenti, Proprietà intellettuale, Homepage, Articoli Continua a leggere