Il Garante pubblica il vademecum “Privacy e recupero crediti” nel tentativo di chiarire quali dati personali si possono trattare nell’ambito dell’attività di recupero crediti, come conservarli e quali sono i limiti del diritto alla riservatezza del debitore.

Il testo è suddiviso in otto sezioni, dai principi generali alle prassi ritenute illecite, all’esercizio dei diritti, indicando i documenti di riferimento.

La guida, che riporta anche i riferimenti ai principali provvedimenti dell’Autorità in materia, è finalizzata ad illustrare sinteticamente ed in modo semplice a quali principi devono ispirarsi coloro che svolgono attività di recupero del credito e le garanzie riconosciute al debitore.

Il vademecum può essere scaricato dal sito web dell’Autorità.

Articoli recenti

Pubblicazione in rete di opera fotografica a fini didattici e scopo di lucro: il parere dell’Avvocato Generale UE

Articolo di Alessandro La Rosa Non costituisce un atto di messa a disposizione del pubblico l’inserimento nel sito Internet di un istituto scolastico, senza fini lucrativi e con la citazione della fonte, di un lavoro didattico che include un’immagine fotografica alla quale qualsiasi internauta...
Categorie Giurisprudenza Corte di Giustizia, Proprietà intellettuale, Diritto europeo Continua a leggere