Difficile comprendere quale sarà il futuro della web tax, avente ad obiettivo di far pagare in Italia – alle multinazionali con sede fiscale all’estero – le tasse relative alla parte di ricavi che si stima sia stata prodotta nel nostro Paese.

La tassa, dapprima cancellata nell’ambito dell’emanazione del decreto Salva-Roma, è stata poi reinserita all’interno della cosiddetta legge delega fiscale, con cui il Parlamento ha indicato i principi cui dovrà attenersi l’esecutivo nell’emanare una serie di decreti legislativi in ambito tributario; ai sensi dell’art. 9 lett. i) della legge, il Governo dovrà “prevedere l’introduzione, in linea con le raccomandazioni degli organismi internazionali e con le eventuali decisioni in sede europea, tenendo anche conto delle esperienze internazionali, di sistemi di tassazione delle attività transnazionali, ivi comprese quelle connesse alla raccolta pubblicitaria, basati su adeguati meccanismi di stima delle quote di attività imputabili alla competenza fiscale nazionale”.

Si attende, dunque, di vedere quali saranno le future mosse dell’esecutivo.

Nel frattempo, l’on. Francesco Boccia, collega di partito del Presidente del Consiglio Matteo Renzi, ha così commentato l’attuale stato dei fatti “E’ dal 2006 che l’UE è al lavoro su questa normativa. Siamo nel 2014. Non c’è tempo da perdere. Quella con cui abbiamo a che fare è la più grande emorragia finanziaria della storia del capitalismo. La gente si deve rendere conto che Google vale più di tutta quanta la Borsa italiana messa insieme. Bisogna fare presto”.

 

 

Fonte: ANSA.it

Articoli recenti

Corte di Giustizia UE (causa C-469/17): la libertà d’informazione e di stampa non possono giustificare una deroga ai diritti d’autore al di fuori delle eccezioni e delle limitazioni previste dalla direttiva 2001/29/CE

Articolo di Priscilla Casoni Con sentenza del 29 luglio 2019, la Corte di Giustizia UE è tornata sul tema delle eccezioni e limitazioni al diritto d’autore e sull’interpretazione dell’articolo 5, comma 5, della Direttiva 2001/29/CE (sull’armonizzazione di taluni aspetti del diritto d’autore e...
Categorie Giurisprudenza, Proprietà intellettuale, Approfondimenti Continua a leggere

Responsabilità delle video sharing platform: il Tribunale delle Imprese di Roma decide dopo la sentenza della Corte di Cassazione sul caso Mediaset c. Yahoo!

Articolo di Alessandro La Rosa I Fatti I video di RTI oggetto di causa sono stati caricati sulla piattaforma francese da utenti privati a partire dal 2006 e in alcuni casi sono rimasti online fino al 2013. Una volta verificata la presenza di video non autorizzati,...
Categorie Giurisprudenza, Normativa, Proprietà intellettuale Continua a leggere