Dopo cinque anni di indagini, l’Antitrust UE ha formalmente avviato due procedure contro Google, inviando a quest’ultima uno statement of objections con la doppia accusa di abuso di posizione dominante nel mercato della ricerca su internet e, separatamente, sul sistema Android.

La prima questione è attualmente limitata al servizio “shopping” ma, secondo il Commissario Margrethe Vestager, potrebbe riguardare anche “maps”, “hotel” e “flight”.

Per quanto concerne Android, le indagini sono dirette a smascherare eventuali accordi anti-concorrenziali nel campo delle applicazioni e dei servizi per i dispositivi mobili intelligenti, come smartphone e tablet.

Google ha 10 settimane per formulare le proprie difese contro la potenziale condanna al pagamento di una maxi-multa pari al 10% del fatturato (ossia fino a 6 miliardi di euro).

Nel frattempo, però, la replica sul proprio blog è stata immediata e su entrambi i fronti: da un lato, il vicepresidente Amit Singhal ha affermato che i consumatori possono accedere alle informazioni in numerosi modi alternativi a Google e che presto renderà nota la propria versione dei fatti sul servizio “shopping”; dall’altro lato, un altro vicepresidente, Hiroshi Lockheimer, ha spiegato che Android può essere utilizzato anche indipendentemente da Google.

 

 

 

Articoli recenti

Tribunale delle Imprese di Roma: la pubblicazione delle opere di Mediaset attraverso Dailymotion deve essere autorizzata

Articolo di Alessandro La Rosa Già lo scorso 22 febbraio, con provvedimento emesso inaudita altera parte, il Tribunale delle Imprese di Roma aveva ordinato a Dailymotion, video sharing platform francese controllata al 100% dal Gruppo Vivendi, di rimuovere immediatamente tutti i video estratti dal...
Categorie Giurisprudenza, Normativa, Proprietà intellettuale, Diritto europeo Continua a leggere