Dopo cinque anni di indagini, l’Antitrust UE ha formalmente avviato due procedure contro Google, inviando a quest’ultima uno statement of objections con la doppia accusa di abuso di posizione dominante nel mercato della ricerca su internet e, separatamente, sul sistema Android.

La prima questione è attualmente limitata al servizio “shopping” ma, secondo il Commissario Margrethe Vestager, potrebbe riguardare anche “maps”, “hotel” e “flight”.

Per quanto concerne Android, le indagini sono dirette a smascherare eventuali accordi anti-concorrenziali nel campo delle applicazioni e dei servizi per i dispositivi mobili intelligenti, come smartphone e tablet.

Google ha 10 settimane per formulare le proprie difese contro la potenziale condanna al pagamento di una maxi-multa pari al 10% del fatturato (ossia fino a 6 miliardi di euro).

Nel frattempo, però, la replica sul proprio blog è stata immediata e su entrambi i fronti: da un lato, il vicepresidente Amit Singhal ha affermato che i consumatori possono accedere alle informazioni in numerosi modi alternativi a Google e che presto renderà nota la propria versione dei fatti sul servizio “shopping”; dall’altro lato, un altro vicepresidente, Hiroshi Lockheimer, ha spiegato che Android può essere utilizzato anche indipendentemente da Google.

 

 

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Linking: l’autorizzazione iniziale alla pubblicazione dell’opera ritenuta necessaria dalla giurisprudenza europea

Articolo di Alessandro La Rosa Negli ultimi anni, in tema di diritto d’autore sono sorte interessanti problematiche anche con riferimento all’attività di “linking” tra diversi siti. Tralasciando la definizione tecnica, il link costituisce probabilmente l’elemento centrale della comunicazione online attraverso cui è possibile navigare...
Categorie Proprietà intellettuale, Approfondimenti, Homepage Continua a leggere