Facebook apre alla sperimentazione di un nuovo algoritmo che permetterà di individuare con esattezza le persone presenti nelle foto, anche quando queste sono ritratte di spalle.

L’algoritmo analizza ed incrocia i dati relativi ai capelli, ai vestiti, alla postura ed alla forma corporea elaborando le informazioni attraverso un enorme database fotografico contenuto nel social network.
Ad oggi l’algoritmo è stato sperimentato su 40 mila fotografie prese da Flickr di cui sono state riconosciute l’83% delle persone ritratte.

Lo strumento potrebbe tuttavia incorrere in violazioni della privacy.

L’Unione Europa infatti sembra volere più garanzie per il riconoscimento del volto degli utenti, prevedendo forme di consenso degli stessi all’utilizzo dei propri dati identificativi ogni qualvolta l’individuazione dei soggetti sarebbe altrimenti impossibile o comunque difficile senza l’intervento della tecnologia del social network.

Articoli recenti

La messa in rete di una fotografia precedentemente pubblicata, senza restrizioni, necessita sempre dell’autorizzazione del titolare del diritto d’autore

Articolo di Alessandro La Rosa Con sentenza del 7 agosto 2018 (C-161/17 – Land Nordrhein-Westfalen contro Dirk Renckhoff) la Corte di Giustizia dell’Unione Europea si è pronunciata, positivamente, sulla questione “se la messa in rete su un sito Internet di una fotografia precedentemente pubblicata,...
Categorie Giurisprudenza, Proprietà intellettuale Continua a leggere

Tribunale delle Imprese di Roma: la pubblicazione delle opere di Mediaset attraverso Dailymotion deve essere autorizzata

Articolo di Alessandro La Rosa Già lo scorso 22 febbraio, con provvedimento emesso inaudita altera parte, il Tribunale delle Imprese di Roma aveva ordinato a Dailymotion, video sharing platform francese controllata al 100% dal Gruppo Vivendi, di rimuovere immediatamente tutti i video estratti dal...
Categorie Giurisprudenza, Normativa, Proprietà intellettuale, Diritto europeo Continua a leggere