Facebook apre alla sperimentazione di un nuovo algoritmo che permetterà di individuare con esattezza le persone presenti nelle foto, anche quando queste sono ritratte di spalle.

L’algoritmo analizza ed incrocia i dati relativi ai capelli, ai vestiti, alla postura ed alla forma corporea elaborando le informazioni attraverso un enorme database fotografico contenuto nel social network.
Ad oggi l’algoritmo è stato sperimentato su 40 mila fotografie prese da Flickr di cui sono state riconosciute l’83% delle persone ritratte.

Lo strumento potrebbe tuttavia incorrere in violazioni della privacy.

L’Unione Europa infatti sembra volere più garanzie per il riconoscimento del volto degli utenti, prevedendo forme di consenso degli stessi all’utilizzo dei propri dati identificativi ogni qualvolta l’individuazione dei soggetti sarebbe altrimenti impossibile o comunque difficile senza l’intervento della tecnologia del social network.

Articoli recenti

Pubblicazione in rete di opera fotografica a fini didattici e scopo di lucro: il parere dell’Avvocato Generale UE

Articolo di Alessandro La Rosa Non costituisce un atto di messa a disposizione del pubblico l’inserimento nel sito Internet di un istituto scolastico, senza fini lucrativi e con la citazione della fonte, di un lavoro didattico che include un’immagine fotografica alla quale qualsiasi internauta...
Categorie Giurisprudenza Corte di Giustizia, Proprietà intellettuale, Diritto europeo Continua a leggere