Il professore di scienze informatiche dell’università della California, Amit Sahai, ha creato un algoritmo tecnicamente in grado di impedire la contraffazione di contenuti digitali.

L’algoritmo – molto più complesso di quelli utilizzati sino ad oggi – dovrebbe trasformare ogni riga del codice originale in una sorta di puzzle composto da stringhe del codice sorgente e codici falsi, una barriera impenetrabile per i pirati.

Il sistema progettato per esser applicato a film, MP3, password e persino firme digitali, risulta tuttavia allo stato non ancora pronto per esser commercializzato a causa proprio dell’eccessiva pesantezza e complessità del codice di offuscamento.

 

 

Fonte: Focus.it

Articoli recenti

Tribunale delle Imprese di Roma: la pubblicazione delle opere di Mediaset attraverso Dailymotion deve essere autorizzata

Articolo di Alessandro La Rosa Già lo scorso 22 febbraio, con provvedimento emesso inaudita altera parte, il Tribunale delle Imprese di Roma aveva ordinato a Dailymotion, video sharing platform francese controllata al 100% dal Gruppo Vivendi, di rimuovere immediatamente tutti i video estratti dal...
Categorie Giurisprudenza, Normativa, Proprietà intellettuale, Diritto europeo Continua a leggere