Il professore di scienze informatiche dell’università della California, Amit Sahai, ha creato un algoritmo tecnicamente in grado di impedire la contraffazione di contenuti digitali.

L’algoritmo – molto più complesso di quelli utilizzati sino ad oggi – dovrebbe trasformare ogni riga del codice originale in una sorta di puzzle composto da stringhe del codice sorgente e codici falsi, una barriera impenetrabile per i pirati.

Il sistema progettato per esser applicato a film, MP3, password e persino firme digitali, risulta tuttavia allo stato non ancora pronto per esser commercializzato a causa proprio dell’eccessiva pesantezza e complessità del codice di offuscamento.

 

 

Fonte: Focus.it

Articoli recenti

Giudizio di confondibilità tra marchi simili: principio di effettività nell’utilizzo del marchio e rilevanza del livello di attenzione meno elevato tra il pubblico di riferimento

Articolo di Silvia Perra   Con decisione resa in data 19 settembre 2019 nel procedimento T-359/18 il Tribunale dell’Unione Europea è stato investito di una controversia avente ad oggetto il giudizio di confondibilità tra due marchi: , marchio registrato in Italia nella classe...
Categorie Proprietà intellettuale Continua a leggere

Le linee guida della Commissione Europea per l’implementazione dell’art. 17, paragrafo 4, della nuova Direttiva europea sul Copyright nel DSM (Direttiva 790/2019)

Articolo di Alessandro La Rosa Come noto, l’art. 17 della nuova direttiva sul copyright nel mercato unico digitale ha espressamente previsto che la Commissione europea, in cooperazione con gli Stati membri, organizzi dialoghi tra le parti interessate per discutere le migliori prassi per la...
Categorie Proprietà intellettuale Continua a leggere