Il professore di scienze informatiche dell’università della California, Amit Sahai, ha creato un algoritmo tecnicamente in grado di impedire la contraffazione di contenuti digitali.

L’algoritmo – molto più complesso di quelli utilizzati sino ad oggi – dovrebbe trasformare ogni riga del codice originale in una sorta di puzzle composto da stringhe del codice sorgente e codici falsi, una barriera impenetrabile per i pirati.

Il sistema progettato per esser applicato a film, MP3, password e persino firme digitali, risulta tuttavia allo stato non ancora pronto per esser commercializzato a causa proprio dell’eccessiva pesantezza e complessità del codice di offuscamento.

 

 

Fonte: Focus.it

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Cloud computing e copia privata: la sentenza della Corte di Giustizia UE. Illecita la riproduzione dell’operatore “attivo”

Articolo di Alessandro La Rosa Con l’attesissima sentenza pubblicata lo scorso 29 novembre, avente ad oggetto la causa promossa da VCAST Limited (Vcast) contro Reti Televisive Italiane s.p.a. (“RTI” – società del Gruppo Mediaset), la Corte di Giustizia UE (Causa C-265/16), ha chiarito che...
Categorie Commenti, Proprietà intellettuale, Homepage, Articoli Continua a leggere