La pratica del cybersquatting consiste nel registrare nomi a dominio, riconducibili a marchi o nomi noti con l’intento di rivenderli a chi potrebbe averne diritto o di ricavare comunque dei vantaggi economici da tale registrazione.

Nell’ambito della registrazione dei nomi a dominio vige il principio “first come first served”: è sufficiente che il dominio sia libero per poterlo registrare.

La WIPO (World Intellectual Property Organization) si è recentemente trovata a decidere su un caso di c.d.  “typesquatting”, cioè una particolare forma di cybersquatting, in cui il nome a dominio che si registra è simile a marchi o nomi noti, ma se ne differenzia per poche lettere. Nel caso di specie, la decisione ha avuto ad oggetto il nome a dominio “marlboro-m.com” e ha visto contrapposti la società Philip Morris – titolare del marchio Marlboro – ed un cittadino statunitense.

Sulla questione il Centro di Mediazione e Arbitrato della WIPO si è così espresso: “E’ ben noto che l’uso di un altro marchio per attirare utenti Internet a scopo di lucro è un uso in malafede e questo può essere vero, anche se i prodotti venduti o offerti non sono in concorrenza con quelli del Ricorrente. (…). L’uso del nome a dominio contestato per attirare gli utenti a tale sito è un uso fatto in malafede (..) La malafede sussiste anche quando il sito guadagna attraverso la pratica del “pay per click” e cioè sul numero di click che gli utenti fanno per raggiungere quel sito web dal motore di ricerca e a partire dal sito web per andare verso siti terzi”.

Fonte: marchiebrevettiweb.it

Articoli recenti

Tribunale delle Imprese di Roma: la pubblicazione delle opere di Mediaset attraverso Dailymotion deve essere autorizzata

Articolo di Alessandro La Rosa Già lo scorso 22 febbraio, con provvedimento emesso inaudita altera parte, il Tribunale delle Imprese di Roma aveva ordinato a Dailymotion, video sharing platform francese controllata al 100% dal Gruppo Vivendi, di rimuovere immediatamente tutti i video estratti dal...
Categorie Giurisprudenza, Normativa, Proprietà intellettuale, Diritto europeo Continua a leggere