Un’importante decisione in materia di copyright è stata presa dalla Suprema Corte Britannica che ha ordinato a diversi internet service providers di bloccare l’accesso a siti web che offrivano e-books pirata. La Corte ha concesso dieci giorni ai gestori dei portali BT, Sky, Virgin Media, TalkTalk e EE per assicurare che i propri utenti non fossero più in grado di accedere ai seguenti link:  AvaxHome, Ebookee, Freebookspot, Freshwap, Libgen, Bookfi e Bookre.

Un intervento in materia, ai sensi della legge britannica sul copyright, è stato fortemente voluto dalla Publishers Association (PA), associazione degli editori, la quale ha dichiarato che l’insieme dei citati siti web è in possesso di circa dieci milioni di e-books, l’80% dei quali violano il copyright. Sulla base dei dati pubblicati dall’associazione, le richieste di rimozione ammontano a circa un milione, e solamente a Google è stato richiesto di rimuovere dai propri risultati di ricerca 1.750.000 URL collegati alla pirateria degli e-books.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Cloud computing e copia privata: la sentenza della Corte di Giustizia UE. Illecita la riproduzione dell’operatore “attivo”

Articolo di Alessandro La Rosa Con l’attesissima sentenza pubblicata lo scorso 29 novembre, avente ad oggetto la causa promossa da VCAST Limited (Vcast) contro Reti Televisive Italiane s.p.a. (“RTI” – società del Gruppo Mediaset), la Corte di Giustizia UE (Causa C-265/16), ha chiarito che...
Categorie Commenti, Proprietà intellettuale, Homepage, Articoli Continua a leggere