RAI ha deciso di recedere dal rapporto contrattuale che la legava a Youtube. Dal prossimo 1° giugno i video attualmente caricati (oltre quarantamila in alta definizione) dovranno pertanto scomparire dalla piattaforma di proprietà di Google. Secondo le indiscrezioni riferite dal Sole 24 Ore, l’accordo – siglato nel 2008 – prevedeva, a fronte di un’immissione di circa 7.000 video all’anno, un ricavo di circa 700.000 euro (cifra pattuita a prescindere dal numero di click). Le ragioni dello scioglimento potrebbero essere quelle anticipate lo scorso anno dal Direttore generale Luigi Gubitosi, il quale, annunciando una possibile revisione degli accordi, dichiarava di voler rivedere al rialzo il corrispettivo della cessione dei propri diritti video, fino a quel momento concessi “ad un prezzo irrisorio”.

Articoli recenti

La messa in rete di una fotografia precedentemente pubblicata, senza restrizioni, necessita sempre dell’autorizzazione del titolare del diritto d’autore

Articolo di Alessandro La Rosa Con sentenza del 7 agosto 2018 (C-161/17 – Land Nordrhein-Westfalen contro Dirk Renckhoff) la Corte di Giustizia dell’Unione Europea si è pronunciata, positivamente, sulla questione “se la messa in rete su un sito Internet di una fotografia precedentemente pubblicata,...
Categorie Giurisprudenza, Proprietà intellettuale Continua a leggere

Tribunale delle Imprese di Roma: la pubblicazione delle opere di Mediaset attraverso Dailymotion deve essere autorizzata

Articolo di Alessandro La Rosa Già lo scorso 22 febbraio, con provvedimento emesso inaudita altera parte, il Tribunale delle Imprese di Roma aveva ordinato a Dailymotion, video sharing platform francese controllata al 100% dal Gruppo Vivendi, di rimuovere immediatamente tutti i video estratti dal...
Categorie Giurisprudenza, Normativa, Proprietà intellettuale, Diritto europeo Continua a leggere