RAI ha deciso di recedere dal rapporto contrattuale che la legava a Youtube. Dal prossimo 1° giugno i video attualmente caricati (oltre quarantamila in alta definizione) dovranno pertanto scomparire dalla piattaforma di proprietà di Google. Secondo le indiscrezioni riferite dal Sole 24 Ore, l’accordo – siglato nel 2008 – prevedeva, a fronte di un’immissione di circa 7.000 video all’anno, un ricavo di circa 700.000 euro (cifra pattuita a prescindere dal numero di click). Le ragioni dello scioglimento potrebbero essere quelle anticipate lo scorso anno dal Direttore generale Luigi Gubitosi, il quale, annunciando una possibile revisione degli accordi, dichiarava di voler rivedere al rialzo il corrispettivo della cessione dei propri diritti video, fino a quel momento concessi “ad un prezzo irrisorio”.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Linking: l’autorizzazione iniziale alla pubblicazione dell’opera ritenuta necessaria dalla giurisprudenza europea

Articolo di Alessandro La Rosa Negli ultimi anni, in tema di diritto d’autore sono sorte interessanti problematiche anche con riferimento all’attività di “linking” tra diversi siti. Tralasciando la definizione tecnica, il link costituisce probabilmente l’elemento centrale della comunicazione online attraverso cui è possibile navigare...
Categorie Proprietà intellettuale, Approfondimenti, Homepage Continua a leggere