La Commission Nationale Informatique et Libertés francese ha formalmente chiesto a Google di operare l’oscuramento dal proprio motore di ricerca dei link contenenti informazioni personali «inadeguate o non rilevanti» non più solo a livello europeo, ma internazionale.

Google ha 15 giorni di tempo per adeguarsi, in caso contrario, potrà essere chiamata a pagare una multa fino 150 mila euro.

Si ricorda che dalla sentenza della Corte di Giustizia del 13 maggio 2014 (C 131/12) sul diritto all’oblio, Google ha istituito una una vera e propria commissione esaminatrice volta a giudicare le richieste degli utenti (in un solo anno più di 250 mila, per un totale di circa un milione di link esaminati).

Finora, però, le rimozioni avvenivano sui soli domini europei del motore di ricerca. Obiettivo della Commissione francese è ottenere un diritto all’oblio “globale”.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Cloud computing e copia privata: la sentenza della Corte di Giustizia UE. Illecita la riproduzione dell’operatore “attivo”

Articolo di Alessandro La Rosa Con l’attesissima sentenza pubblicata lo scorso 29 novembre, avente ad oggetto la causa promossa da VCAST Limited (Vcast) contro Reti Televisive Italiane s.p.a. (“RTI” – società del Gruppo Mediaset), la Corte di Giustizia UE (Causa C-265/16), ha chiarito che...
Categorie Commenti, Proprietà intellettuale, Homepage, Articoli Continua a leggere