Ancora schiaffi per YouTube. Il sistema Content ID, lanciato dall’azienda per identificare i contenuti illeciti, non soddisfa le major dell’industria musicale (Universal Music Group, Sony Music e Warner Music Group) che reputano il software inefficace nel riconoscere la musica caricata senza autorizzazione.

Le etichette discografiche sono ricorse allo US Copyright Office per far valere la loro tesi contro la principale piattaforma mondiale di video-streaming. A detta della Sony questa avrebbe perso quasi 8 milioni di dollari di ricavi per via dell’illecita pubblicazione dei contenuti di cui è titolare, mentre la Universal Music dichiara che i sistemi utilizzati da YouTube sono in gradi di identificare solo il 60% dei contenuti illegali caricati dagli utenti.

Le accuse vengono prontamente respinte al mittente, ma lo scontro non è destinato a concludersi poiché si avvicina il momento del rinnovo dei contratti tra YouTube e i colossi dell’industria musicale che proprio in tal senso richiedono sia alla Commissione europea che allo US Copyright Office che YouTube non venga più considerato un mero hosting passivo.

Articoli recenti

Pubblicazione in rete di opera fotografica a fini didattici e scopo di lucro: il parere dell’Avvocato Generale UE

Articolo di Alessandro La Rosa Non costituisce un atto di messa a disposizione del pubblico l’inserimento nel sito Internet di un istituto scolastico, senza fini lucrativi e con la citazione della fonte, di un lavoro didattico che include un’immagine fotografica alla quale qualsiasi internauta...
Categorie Giurisprudenza Corte di Giustizia, Proprietà intellettuale, Diritto europeo Continua a leggere