Un operatore che attraverso un sito web metta a disposizione del pubblico un motore di ricerca specializzato, tramite il quale sia possibile effettuare ricerche in diversi siti internet di terzi, fornendo all’utente finale un modulo di ricerca analogo a quello dei siti originali e presentando i risultati con l’aspetto esteriore del suo sito internet, effettua – secondo il diritto comunitario – un reimpiego della totalità o di una parte sostanziale del contenuto di una banca dati, suscettibile di ledere i diritti dei titolari della banca dati stessa.

E’ questa l’interpretazione che la Corte di giustizia dell’Unione Europea, nella sentenza del 19 dicembre scorso, ha dato alle disposizioni della direttiva 96/9/CE relativa alla tutela giuridica delle banche dati.

Fonte: www.marchiebrevettiweb.it

Articoli recenti

Corte di Giustizia UE (causa C-469/17): la libertà d’informazione e di stampa non possono giustificare una deroga ai diritti d’autore al di fuori delle eccezioni e delle limitazioni previste dalla direttiva 2001/29/CE

Articolo di Priscilla Casoni Con sentenza del 29 luglio 2019, la Corte di Giustizia UE è tornata sul tema delle eccezioni e limitazioni al diritto d’autore e sull’interpretazione dell’articolo 5, comma 5, della Direttiva 2001/29/CE (sull’armonizzazione di taluni aspetti del diritto d’autore e...
Categorie Giurisprudenza, Proprietà intellettuale, Approfondimenti Continua a leggere

Responsabilità delle video sharing platform: il Tribunale delle Imprese di Roma decide dopo la sentenza della Corte di Cassazione sul caso Mediaset c. Yahoo!

Articolo di Alessandro La Rosa I Fatti I video di RTI oggetto di causa sono stati caricati sulla piattaforma francese da utenti privati a partire dal 2006 e in alcuni casi sono rimasti online fino al 2013. Una volta verificata la presenza di video non autorizzati,...
Categorie Giurisprudenza, Normativa, Proprietà intellettuale Continua a leggere