Un operatore che attraverso un sito web metta a disposizione del pubblico un motore di ricerca specializzato, tramite il quale sia possibile effettuare ricerche in diversi siti internet di terzi, fornendo all’utente finale un modulo di ricerca analogo a quello dei siti originali e presentando i risultati con l’aspetto esteriore del suo sito internet, effettua – secondo il diritto comunitario – un reimpiego della totalità o di una parte sostanziale del contenuto di una banca dati, suscettibile di ledere i diritti dei titolari della banca dati stessa.

E’ questa l’interpretazione che la Corte di giustizia dell’Unione Europea, nella sentenza del 19 dicembre scorso, ha dato alle disposizioni della direttiva 96/9/CE relativa alla tutela giuridica delle banche dati.

Fonte: www.marchiebrevettiweb.it

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Cloud computing e copia privata: la sentenza della Corte di Giustizia UE. Illecita la riproduzione dell’operatore “attivo”

Articolo di Alessandro La Rosa Con l’attesissima sentenza pubblicata lo scorso 29 novembre, avente ad oggetto la causa promossa da VCAST Limited (Vcast) contro Reti Televisive Italiane s.p.a. (“RTI” – società del Gruppo Mediaset), la Corte di Giustizia UE (Causa C-265/16), ha chiarito che...
Categorie Commenti, Proprietà intellettuale, Homepage, Articoli Continua a leggere