Un operatore che attraverso un sito web metta a disposizione del pubblico un motore di ricerca specializzato, tramite il quale sia possibile effettuare ricerche in diversi siti internet di terzi, fornendo all’utente finale un modulo di ricerca analogo a quello dei siti originali e presentando i risultati con l’aspetto esteriore del suo sito internet, effettua – secondo il diritto comunitario – un reimpiego della totalità o di una parte sostanziale del contenuto di una banca dati, suscettibile di ledere i diritti dei titolari della banca dati stessa.

E’ questa l’interpretazione che la Corte di giustizia dell’Unione Europea, nella sentenza del 19 dicembre scorso, ha dato alle disposizioni della direttiva 96/9/CE relativa alla tutela giuridica delle banche dati.

Fonte: www.marchiebrevettiweb.it

Articoli recenti

Giudizio di confondibilità tra marchi simili: principio di effettività nell’utilizzo del marchio e rilevanza del livello di attenzione meno elevato tra il pubblico di riferimento

Articolo di Silvia Perra   Con decisione resa in data 19 settembre 2019 nel procedimento T-359/18 il Tribunale dell’Unione Europea è stato investito di una controversia avente ad oggetto il giudizio di confondibilità tra due marchi: , marchio registrato in Italia nella classe...
Categorie Proprietà intellettuale Continua a leggere

Le linee guida della Commissione Europea per l’implementazione dell’art. 17, paragrafo 4, della nuova Direttiva europea sul Copyright nel DSM (Direttiva 790/2019)

Articolo di Alessandro La Rosa Come noto, l’art. 17 della nuova direttiva sul copyright nel mercato unico digitale ha espressamente previsto che la Commissione europea, in cooperazione con gli Stati membri, organizzi dialoghi tra le parti interessate per discutere le migliori prassi per la...
Categorie Proprietà intellettuale Continua a leggere