Un operatore che attraverso un sito web metta a disposizione del pubblico un motore di ricerca specializzato, tramite il quale sia possibile effettuare ricerche in diversi siti internet di terzi, fornendo all’utente finale un modulo di ricerca analogo a quello dei siti originali e presentando i risultati con l’aspetto esteriore del suo sito internet, effettua – secondo il diritto comunitario – un reimpiego della totalità o di una parte sostanziale del contenuto di una banca dati, suscettibile di ledere i diritti dei titolari della banca dati stessa.

E’ questa l’interpretazione che la Corte di giustizia dell’Unione Europea, nella sentenza del 19 dicembre scorso, ha dato alle disposizioni della direttiva 96/9/CE relativa alla tutela giuridica delle banche dati.

Fonte: www.marchiebrevettiweb.it

Articoli recenti

La messa in rete di una fotografia precedentemente pubblicata, senza restrizioni, necessita sempre dell’autorizzazione del titolare del diritto d’autore

Articolo di Alessandro La Rosa Con sentenza del 7 agosto 2018 (C-161/17 – Land Nordrhein-Westfalen contro Dirk Renckhoff) la Corte di Giustizia dell’Unione Europea si è pronunciata, positivamente, sulla questione “se la messa in rete su un sito Internet di una fotografia precedentemente pubblicata,...
Categorie Giurisprudenza, Proprietà intellettuale Continua a leggere

Tribunale delle Imprese di Roma: la pubblicazione delle opere di Mediaset attraverso Dailymotion deve essere autorizzata

Articolo di Alessandro La Rosa Già lo scorso 22 febbraio, con provvedimento emesso inaudita altera parte, il Tribunale delle Imprese di Roma aveva ordinato a Dailymotion, video sharing platform francese controllata al 100% dal Gruppo Vivendi, di rimuovere immediatamente tutti i video estratti dal...
Categorie Giurisprudenza, Normativa, Proprietà intellettuale, Diritto europeo Continua a leggere