Oracle società leader dell’Hi-tech, ha richiesto a Google nove miliardi di dollari per il “plagio” di Java (programma sviluppato dalla Sun Microsystems oggi di proprietà di Oracle).

Numerose, infatti, sarebbero le somiglianze di aspetti di Java in Android.

La prima sentenza statunitense nel 2010 era stata favorevole agli ideatori del robottino verde. Secondo i giudici del tribunale distrettuale, infatti, Google non avrebbe copiato i brevetti dell’avversario visto che le porzioni di software usate in Android non erano brevettabili.

Il verdetto è stato però ribaltato due anni dopo dalla corte d’appello secondo la quale la struttura, la sequenza e l’organizzazione di quelle porzioni possono essere protette da diritto d’autore.

Al momento Google basa la propria difesa sul fair use, tuttavia la prossima udienza fissata per il prossimo 9 maggio 2016 chiarirà se possa o meno ritenersi operante l’esenzione dall’obbligo di citazione dell’autore dell’opera originaria.

Articoli recenti

La messa in rete di una fotografia precedentemente pubblicata, senza restrizioni, necessita sempre dell’autorizzazione del titolare del diritto d’autore

Articolo di Alessandro La Rosa Con sentenza del 7 agosto 2018 (C-161/17 – Land Nordrhein-Westfalen contro Dirk Renckhoff) la Corte di Giustizia dell’Unione Europea si è pronunciata, positivamente, sulla questione “se la messa in rete su un sito Internet di una fotografia precedentemente pubblicata,...
Categorie Giurisprudenza, Proprietà intellettuale Continua a leggere

Tribunale delle Imprese di Roma: la pubblicazione delle opere di Mediaset attraverso Dailymotion deve essere autorizzata

Articolo di Alessandro La Rosa Già lo scorso 22 febbraio, con provvedimento emesso inaudita altera parte, il Tribunale delle Imprese di Roma aveva ordinato a Dailymotion, video sharing platform francese controllata al 100% dal Gruppo Vivendi, di rimuovere immediatamente tutti i video estratti dal...
Categorie Giurisprudenza, Normativa, Proprietà intellettuale, Diritto europeo Continua a leggere