Dopo aver sconfitto in ottobre IsoHunt, la Motion Picture Association of America (Organizzazione americana dei produttori cinematografici) ottiene un altro successo, accordandosi stragiudizialmente con un altro sito di “cyberlocking”, HotFile, il quale si è arreso e ha patteggiato il pagamento di 80 milioni di dollari (contro i 500 richiesti) e la chiusura del servizio.

L’accordo è stato siglato lo scorso 16 ottobre, davanti la Corte della California dopo sette anni di battaglie legali.

La MPAA aveva chiesto al portale un sistema di filtraggio che prevenisse il caricamento dei file illegali. La tiepida risposta di HotFile (chiusura di alcuni degli account più attivi nelle operazioni illecite) e il fatto che circa il 90% dei contenuti non fossero legali, ha spostato l’orientamento del tribunale a suo sfavore e quindi all’esito anzi detto.

Fonte: www.marchiebrevettiweb.it

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Linking: l’autorizzazione iniziale alla pubblicazione dell’opera ritenuta necessaria dalla giurisprudenza europea

Articolo di Alessandro La Rosa Negli ultimi anni, in tema di diritto d’autore sono sorte interessanti problematiche anche con riferimento all’attività di “linking” tra diversi siti. Tralasciando la definizione tecnica, il link costituisce probabilmente l’elemento centrale della comunicazione online attraverso cui è possibile navigare...
Categorie Proprietà intellettuale, Approfondimenti, Homepage Continua a leggere