Dopo aver sconfitto in ottobre IsoHunt, la Motion Picture Association of America (Organizzazione americana dei produttori cinematografici) ottiene un altro successo, accordandosi stragiudizialmente con un altro sito di “cyberlocking”, HotFile, il quale si è arreso e ha patteggiato il pagamento di 80 milioni di dollari (contro i 500 richiesti) e la chiusura del servizio.

L’accordo è stato siglato lo scorso 16 ottobre, davanti la Corte della California dopo sette anni di battaglie legali.

La MPAA aveva chiesto al portale un sistema di filtraggio che prevenisse il caricamento dei file illegali. La tiepida risposta di HotFile (chiusura di alcuni degli account più attivi nelle operazioni illecite) e il fatto che circa il 90% dei contenuti non fossero legali, ha spostato l’orientamento del tribunale a suo sfavore e quindi all’esito anzi detto.

Fonte: www.marchiebrevettiweb.it

 

Articoli recenti

Tribunale delle Imprese di Roma: la pubblicazione delle opere di Mediaset attraverso Dailymotion deve essere autorizzata

Articolo di Alessandro La Rosa Già lo scorso 22 febbraio, con provvedimento emesso inaudita altera parte, il Tribunale delle Imprese di Roma aveva ordinato a Dailymotion, video sharing platform francese controllata al 100% dal Gruppo Vivendi, di rimuovere immediatamente tutti i video estratti dal...
Categorie Giurisprudenza, Normativa, Proprietà intellettuale, Diritto europeo Continua a leggere