Con un provvedimento dell’Information Commission Office, autorità inglese deputata alla garanzia della privacy, è stato ordinato a Google di rimuovere tutti gli articoli e i link che rimandino anche a nuovi contenuti relativi a fatti di cronaca di cui è stata chiesta ed ottenuta la rimozione in applicazione del c.d. diritto all’oblio.
La lesione del diritto alla privacy viene estesa, quindi, anche alle pubblicazioni relative a contenuti “nuovi”.
Nel caso di specie, Google si era limitato ad eliminare dalla propria memoria i link alle pubblicazioni relative a fatti di cronaca ormai obsoleti, ma si era poi rifiutata di rimuover anche i link a nuovi articoli che rimandavano alle stesse vicende. Il motore di ricerca è ora costretto ad adempiere all’ordine della Commissione entro 35 giorni dalla data della stessa.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Cloud computing e copia privata: la sentenza della Corte di Giustizia UE. Illecita la riproduzione dell’operatore “attivo”

Articolo di Alessandro La Rosa Con l’attesissima sentenza pubblicata lo scorso 29 novembre, avente ad oggetto la causa promossa da VCAST Limited (Vcast) contro Reti Televisive Italiane s.p.a. (“RTI” – società del Gruppo Mediaset), la Corte di Giustizia UE (Causa C-265/16), ha chiarito che...
Categorie Commenti, Proprietà intellettuale, Homepage, Articoli Continua a leggere