Il 2015 si è chiuso con una crescita delle richieste di cancellazione da parte dei titolari dei diritti d’autore, di materiali che violerebbero il copyright. I dati di Google registrano infatti un aumento del 60% rispetto al 2014 per un ammontare di 558 milioni di link.
Google ha dichiarato di aver incrementato le misure di rimozione da parte dell’Intellectual Property Enforcement Coordinator velocizzando, inoltre, tutte le procedure di cancellazione dei link sospetti che avvengono ora molto più rapidamente rispetto ad altri motori di ricerca.
La politica aziendale, al momento, esclude la cancellazione di interi domini, limitandosi ad eliminare le sole URL segnalate; organizzazioni come la Motion Picture of America (MPAA) e la Recording Industry Association of America (RIAA) ritengono, invece, che sia necessaria una maggiore censura nei confronti dei siti che violano il diritto d’autore, da attuarsi attraverso la cancellazione degli stessi dal motore di ricerca.

Articoli recenti

Tribunale delle Imprese di Roma: la pubblicazione delle opere di Mediaset attraverso Dailymotion deve essere autorizzata

Articolo di Alessandro La Rosa Già lo scorso 22 febbraio, con provvedimento emesso inaudita altera parte, il Tribunale delle Imprese di Roma aveva ordinato a Dailymotion, video sharing platform francese controllata al 100% dal Gruppo Vivendi, di rimuovere immediatamente tutti i video estratti dal...
Categorie Giurisprudenza, Normativa, Proprietà intellettuale, Diritto europeo Continua a leggere