Il servizio di fatturazione elettronica verso la PA offerto dal sistema delle Camere di Commercio è a disposizione delle piccole e medie imprese italiane, nonché di tutti i professionisti, che hanno o intendono intraprendere un rapporto commerciale con le Pubbliche Amministrazioni soggette all’obbligo di fatturazione elettronica. Attraverso l’utilizzo della firma digitale, come richiesto dalla normativa, viene garantita l’autenticità dell’origine e l’integrità del contenuto verso la PA destinataria della fattura.

La fatturazione elettronica rappresenta inoltre un importante contributo all’accelerazione del pagamento dei debiti commerciali della Pubblica amministrazione, nel rispetto dei tempi previsti dalla normativa europea. Obiettivo comune è la creazione di un sistema di gestione del ciclo passivo delle Pubbliche amministrazioni, in grado di tenere sotto controllo tutte le fasi del processo di spesa, fino alla contabilizzazione e rendicontazione nei bilanci pubblici.

Dal 31 marzo 2015 tutte le pubbliche amministrazioni, Comuni compresi quindi, potranno accettare solo fatture in formato elettronico tramite il Sistema di Interscambio (SDI). La fattura cartacea non potrà essere né accettata né utilizzata ai fini del pagamento.

 

Articoli recenti

Pubblicazione in rete di opera fotografica a fini didattici e scopo di lucro: il parere dell’Avvocato Generale UE

Articolo di Alessandro La Rosa Non costituisce un atto di messa a disposizione del pubblico l’inserimento nel sito Internet di un istituto scolastico, senza fini lucrativi e con la citazione della fonte, di un lavoro didattico che include un’immagine fotografica alla quale qualsiasi internauta...
Categorie Giurisprudenza Corte di Giustizia, Proprietà intellettuale, Diritto europeo Continua a leggere